ASTEROID DAY 2018 - prima parte

ASTEROID DAY 2018 – prima parte

Intervista a Gianluca Masi del Virtual Telescope Project

Il prossimo 30 giugno si terrà la quarta edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale lanciato nel 2015 con l’intento di avviare una campagna informativa globale, consentendo alle persone di tutto il pianeta di scoprire il mondo degli asteroidi e ciò che noi possiamo fare per proteggerci da possibili impatti futuri. Un tema questo da sempre di grande richiamo presso il pubblico, spesso confuso da trattazioni poco ortodosse dell’argomento. Successivamente al lancio del progetto, Istituzioni, personalità e scienziati si sono uniti in questa missione, dando vita a questo evento ricorrente, che si celebra ogni 30 giugno, anniversario dell’impatto di Tunguska (30 giugno 1908), il più importante della storia recente.

Che cos’è l’Asteroid Day?

L’Asteroid Day è un evento internazionale che è nato su iniziativa di un gruppo eterogeneo di persone che non appartengono tutte al mondo della scienza astronomica, fra questi mi piace ricordare l’astronauta dell’Apollo VIII Rusty Schweickart, il regista Grigorij Richters, il chitarrista dei Queen Brian May e Danica Remy, una imprenditrice californiana. Tutti accomunati dall’interesse per gli asteroidi. La Terra si troverà, come si è già trovata in passato, dinanzi all’esigenza di gestire concretamente la minaccia di un impatto da parte di un asteroide di dimensioni importanti.

E’ necessario che ci sia una consapevolezza da parte di tutti non solo del rischio reale, ma anche di quali sono anche le risorse che gli asteroidi offrono alla nostra specie con le loro specifiche presenze di minerali. Asteroid Day nasce anche con l’obiettivo di rendere il tema asteroidi compreso sia dal grande pubblico sia dai governi che dovrebbero supportare queste missioni spaziali, di ricerca degli asteroidi e di intervento in caso di impatto.                      

Questo gruppo di personaggi così variegato per formazione e provenienza hanno poi coinvolto altri studiosi, altri personaggi, anche figure importanti dello spettacolo è nato con un crescente successo questo movimento internazionale. Il primo Asteroid Day è stato organizzato nel 2015, quindi il prossimo 30 giugno ci apprestiamo a celebrare la quarta edizione che ci aspettiamo ancor più partecipata della precedente visto il trend che ha avuto questa kermesse.

Asteroid Day 2018 - prima parte

Qual è il programma delle attività per sabato 30 giugno?

L’Asteroid Day essendo una iniziativa internazionale chiama gli appassionati di astronomia, gli studiosi o comunque tutti coloro che trovano il tema interessante a organizzare localmente ognuno nel proprio Paese una attività, un evento culturale, un incontro che possa richiamare il pubblico a parlare di asteroidi. In Italia, paese che aderisce fin dalla primissima edizione, ci sarà un fitto programma di eventi da Sud a Nord, il programma completo sul sito asteroidday.it

Cosa ci raccontano gli asteroidi?

Sappiamo benissimo che gli asteroidi sono una componente fondamentale del nostro Sistema solare anzi sono ciò che resta dell’antico materiale da cui i pianeti stessi, in primis la Terra, si sono formati.

Studiare gli asteroidi corrisponde a mettere mano sulle componenti essenziali che hanno poi assemblato i pianeti. Studiandoli noi abbiamo informazioni fra le più antiche disponibili, ancora oggi fra i dintorni del Sole, quindi ancor prima di identificare gli asteroidi come la sorgente di un potenziale problema sono una risorsa preziosissima anche da questo punto di vista ovvero aiutano a comprendere e a chiarire come si sia formato il nostro sistema planetario. 

Questo è senz’altro un aspetto che reputo importantissimo in relazione a questa affascinante popolazione di corpi celesti anche perchè è solo una minoranza, per fortuna, quella che fra gli asteroidi si spinge, mentre orbita intorno al Sole, nella regione interna ponendo qualche probabilità di impatto nei confronti della Terra.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it