Il disturbo dell'eccitazione: quando non si accende il desiderio...

Il disturbo dell’eccitazione: quando non si accende il desiderio…

L’eccitazione è un insieme di reazioni fisiologiche e psicologiche che permettono di provare attrazione verso il partner e di giungere successivamente all’orgasmo. Nell’universo femminile questa fase è sicuramente complessa perché ha implicazioni fisiche, psicologiche, legate alle sensazioni, che unite ad un animo particolarmente sensibile implica una complessità elevata.

Si può quindi dire che nasce dal desiderio, prepara l’orgasmo e sensibilizza l’organismo affinchè percepisca un vissuto soggettivo di piacere sessuale. Da ciò capiamo quanto sia importante questa fase e quale complicazioni può avere sulla buona riuscita di un rapporto, sull’autostima della donna e sul proprio benessere. I sintomi di tale disturbo possono essere assenza di un interesse nell’attività sessuale, o una riduzione; assenza di pensieri o fantasie erotiche o di qualunque tipo di pensiero sessuale; la donna non è propensa ad intraprendere rapporti sessuali con il partner e non mostra alcun senso di piacere durante gli stessi.

Il disturbo dell’eccitazione sessuale femminile può essere permanente e quindi presente da sempre, acquisito in seguito ad esperienze personali negative che hanno modificato la percezione della sessualità e di se stessa, e situazionale cioè influenzato da circostanze ambientali. Non esiste una causa unica e specifica in quanto è un disturbo complesso e quindi implica una molteplicità di fattori tra cui biologico, sociale, psicologico, ambientale e relazionale.

Una volta escluse cause fisiche sarebbe importante recuperare un rapporto sano con il proprio corpo attraverso anche un’attività fisica che permetta non solo di riattivare il fisico ma anche di ridurre lo stress fattore importante per una buona sessualità. La comunicazione nella coppia diventa fondamentale sia nell’aiuto del partner a sostenere questa situazione difficile per entrambi, sia per aiutare la donna a parlare di sè ed abbassare il forte senso di autocritica che potrebbe avere nei suoi confronti. Inoltre in alcuni casi sarebbe opportuno, con la psicoterapia, cercare di addentrarsi più in profondità perché potrebbero esserci traumi profondi o rimossi, e comunque sarebbe opportuna per cercare di vivere con meno angoscia un momento magari transitorio o comunque modificabile. Inoltre potrebbero essere utilizzati esercizi per migliorar la sensibilità in quella zona.

Lo sapevi che…

per misurare l’orgasmo femminile esiste l’orgasmometro? E’ un test messo a punto da alcuni medici che serve a individuare il grado di piacere che prova la donna durante il rapporto sessuale. E’ stato elaborato per avere, per quanto possibile, un dato oggettivo che vada oltre l’impressione personale, in quanto spesso succede che molte donne dicono di non provare piacere ma in realtà non riconoscono l’orgasmo.

Lo sapevi che cipolline, erba cipollina e cipolle potrebbero aumentare l’eccitazione femminile? Questi alimenti regolano il flusso e la pressione, rilassano il sistema nervoso e aumentano il flusso sanguigno nei genitali. Ciò li rende efficaci per combattere la frigidità.

Dubbi e domande…

Veronica, 20 anni
Non riesco mai a raggiungere il piacere sessuale…
Anonimo,
La mia ragazza durante il rapporto non riesce a venire, ho provato
in tutti i modi!…


In questo film, Hysteria, viene trattato in modo ironico la scoperta del piacere femminile come terapia per un disturbo molto diffuso tra le donne di quell’epoca…

Mrs. Castellari – Sempre Libera! (Hysteria, 2011)

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it