Il disastro di Chernobyl nell'inquietante trailer della serie HBO

Il disastro di Chernobyl nell’inquietante trailer della serie HBO

La miniserie in 5 puntate dal 10 giugno su Sky Atlantic
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Un disastro inimmaginabile raccontato in poco più di 5 ore. Il 10 giugno su Sky Atlantic debutta Chernobyl, miniserie ispirata alla storia del peggior incidente nucleare che il mondo abbia mai visto.
Scene strazianti quelle mostrate nel trailer della serie, che prova a raccontare, seppur in modo romanzato, gli eventi che accaddero il 26 aprile del 1986 e le loro conseguenze.

La miniserie in 5 puntate è ideata da Craig Mazin e diretta da Johan Renck. 
Nel cast Jared Harris, Stellan Skarsgård e Emily Watson.
Le prime 2 puntate saranno trasmesse in prima serata su Sky Atlantic il 10 giugno.

Il disastro di Chernobyl

26 aprile 1986, ore 01:23. Un forte boato sveglia gli abitanti di Pripyat e Chernobyl in Ucraina (ai tempi ancora parte dell’Unione Sovietica).
Ancora non lo sanno, ma ad interrompere il loro sonno è stato quello che sarà ricordato come il peggior incidente nucleare della storia.

Un progetto difettoso e instabile, unito al fattore umano, portò all’esplosione del quarto reattore della centrale.

Il governo sovietico impiegò un giorno intero per realizzare la gravità dell’incidente e le sue conseguenze.
Centinaia di migliaia di persone sono state evacuate da Pripyat quasi due giorni dopo l’esplosione, ma per molti era troppo tardi.

Molti già lamentavano vomito, mal di testa e altri sintomi da esposizione a radiazioni.
28 lavoratori di Chernobyl morirono nei quattro mesi successivi l’incidente, secondo la US Nuclear Regulatory Commission (NRC), tra cui alcuni eroici operai che si esposero consapevolmente a livelli mortali pur di evitare ulteriori perdite di radiazioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it