Secrezioni vaginali.

Secrezioni vaginali.

Le secrezioni vaginali sono molto comuni e, nella maggior parte dei casi, indicano una vagina perfettamente sana. La vagina ha un pH acido per natura che le permette di difendersi dalle infezioni. Una vagina sana rilascia regolarmente delle secrezioni che espellono le cellule morte e i batteri. Tuttavia, è importante sapere che, a volte, queste perdite possono essere un segnale di infezione o di malattia; per tale ragione è importante imparare a distinguere le secrezioni normali da quelle anomale, per garantire la salute dei propri genitali.

La vagina ha un rivestimento mucoso contenente delle ghiandole che, a loro volta, producono ogni giorno delle piccole quantità di fluidi. Lo scopo di queste secrezioni regolari e quotidiane è quello di raccogliere le cellule vecchie e morte, eventuali elementi patogeni o “corpi estranei” ed espellere il tutto dalla vagina. In altre parole, la maggior parte delle perdite vaginali è salutare; in sostanza si tratta di un modo naturale del corpo di proteggere se stesso. Le secrezioni vaginali normali generalmente sono di colore trasparente o bianco-latte e possono avere un leggero odore. Potrebbero anche apparire acquose o dense come il muco, ma la consistenza dovrebbe essere per lo più piuttosto liscia e priva di grumi.

Esistono molteplici fattori che possono determinare un normale cambiamento (per odore, colore o densità) delle secrezioni vaginali. Durante l’ovulazione, ad esempio, è normale che le secrezioni aumentino di volume, divenendo più chiare e filamentose. Il motivo di tale cambiamento è dovuto alla necessità di rendere più facile il passaggio dello sperma, dato che in questo momento l’ovulo è pronto per essere fecondato. La quantità e il colore delle secrezioni vaginali variano in funzione del ciclo mestruale: sono più abbondanti durante il periodo di pre-mestruale e diminuiscono dopo le mestruazioni.

Inoltre le donne incinte spesso presentano un aumento delle perdite vaginali che appaiono anche diverse nel loro aspetto. Questo si verifica soprattutto nelle ultime settimane prima del parto, quando le secrezioni iniziano a diventare più dense e abbondanti. Esse invece tendono a ridursi durante la menopausa, in quanto in questa fase diminuisce il livello degli estrogeni prodotto dall’organismo. Inoltre si evidenzia come le perdite acquose, trasparenti o leggermente bianche siano segno di eccitazione sessuale, avendo lo scopo di lubrificare e proteggere la vagina durante il rapporto.

Talvolta però le secrezioni vaginali possono essere sintomo di una qualche infezione o di un cambiamento dell’ambiente vaginale. Motivo per cui è fondamentale prestare attenzione al loro colore, al loro odore e alla loro consistenza.

Tra i principali fenomeni indicativi di anomalia si evidenzia la comparsa di: perdite bianche, dense e grumose che provocano prurito, perdite dall’aspetto verdastro e schiumoso, secrezioni di colore tendente al grigio, giallo, marrone o verdastro, cattivo odore, perdite accompagnate da dolore, prurito o bruciore, sanguinamento, secrezioni più abbondanti e più dense del solito.

La letteratura evidenzia la presenza di alcuni fattori che possono influire ed alterare l’equilibrio vaginale di una donna. Tra questi si annovera il cambiamento dei prodotti di igiene intima e dei detergenti utilizzati, oltre che le sostanze chimiche presenti nei detersivi e ammorbidenti, negli spray femminili, creme, lavande, gel o schiume contraccettive, che possono irritare la vagina e/o la pelle circostante. Inoltre è stato dimostrato che alcuni farmaci, come gli antibiotici, possono favorire la comparsa di infezioni. Tutti questi elementi possono provocare i sintomi sopra elencati e causare dei cambiamenti nelle secrezioni vaginali. Alcune ricerche mostrano che anche le malattie sistemiche possono alterare l’equilibrio vaginale. Per esempio, le donne diabetiche sembrano avere un maggiore rischio di contrarre infezioni micotiche (come quelle da lievito). Un’altra causa, non così rara, di perdite vaginali anomale con un odore cattivo è dovuta alla presenza di un assorbente interno dimenticato in vagina.

In tali situazioni diviene pertanto buona abitudine far riferimento al proprio ginecologo di riferimento o ad un consultorio.

Lo sapevi che…

Durante il sonno le donne hanno mediamente una perdita normale ogni 80 minuti ed è una funzione fisiologica assolutamente normale (mentre gli uomini hanno un’erezione ogni 80 minuti durante la notte).

La rimozione di peli può spesso causare abrasioni alla vagina, che possono portare ad infezioni. In particolar modo la rasatura completa può essere il motivo del sorgere di un’infezione chiamata Mollusca Contagiosa, ovvero le verruche d’acqua.

Allison Ramirez, famosa scrittrice e giornalista di Los Angeles ha cambiato completamente in meglio la sua vita amorosa e sentimentale usando le sue secrezioni intime come profumo afrodisiaco per attirare e conquistare gli uomini. Dal primo momento in cui lo ha utilizzato, i suoi appuntamenti galanti hanno avuto un enorme successo e le richieste di nuovi incontri sono aumentate a dismisura tanto che, più volte, è stata costretta a cambiare numero di telefono e a declinare gli inviti.

Dubbi e domande…

Giulia,22 anni
Ho avvertito un fatidioso prurito”interno” accompagnato a delle perdite bianche di consistenza pastosa non maleodoranti…
Pia, 18 anni
Ho dolore al seno come ogni mese, e delle perdite bianche e
maleodoranti.. .
Anonima,
Ho delle perdite vaginali biancastre a volte col del sangue e questa cosa mi preoccupa…


Le perdite bianche…

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it