Su Sky Atlantic la miniserie sul disastro di Chernobyl

Su Sky Atlantic la miniserie sul disastro di Chernobyl

Una delle peggiori tragedie mai provocate dall’uomo nella nuova serie originale Sky e HBO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Una delle peggiori catastrofi mai provocate dall’uomo, raccontata attraverso gli atti di coraggio di quanti provarono a salvare l’Europa da un disastro di proporzioni inimmaginabili.
A 33 anni da quella tragedia, CHERNOBYL, la nuova produzione originale Sky e HBO, ripercorre le vicende legate alla tristemente famosa centrale nucleare nell’ex Unione Sovietica, esplosa nel 1986 a 120 chilometri da Kiev.
La miniserie in cinque episodi debutta oggi, alle 21.15, in esclusiva su Sky Atlantic e in streaming su NOW TV.

Il disastro di Chernobyl

26 aprile 1986, ore 01:23. Un forte boato sveglia gli abitanti di Pripyat e Chernobyl in Ucraina (ai tempi ancora parte dell’Unione Sovietica).
Ancora non lo sanno, ma ad interrompere il loro sonno è stato quello che sarà ricordato come il peggior incidente nucleare della storia.

Un progetto difettoso e instabile, unito al fattore umano, portò all’esplosione del quarto reattore della centrale.

Il governo sovietico impiegò un giorno intero per realizzare la gravità dell’incidente e le sue conseguenze.
Centinaia di migliaia di persone sono state evacuate da Pripyat quasi due giorni dopo l’esplosione, ma per molti era troppo tardi.

Molti già lamentavano vomito, mal di testa e altri sintomi da esposizione a radiazioni.
28 lavoratori di Chernobyl morirono nei quattro mesi successivi l’incidente, secondo la US Nuclear Regulatory Commission (NRC), tra cui alcuni eroici operai che si esposero consapevolmente a livelli mortali pur di evitare ulteriori perdite di radiazioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it