I 10 terremoti più distruttivi della storia

I 10 terremoti più distruttivi della storia

Con una magnitudo stimata di 9.5, quello del 1960 in Cile è stato il più grande terremoto della storia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Improvvisi, potenti, a volte distruttivi. I terremoti sono da sempre al centro dell’interesse scientifico e popolare.
Dopo il sisma del 2009 che ha colpito L’Aquila, anche in Italia si è riaccesa la paura.
Eppure, per quanto distruttive, le scosse che abbiamo sperimentato noi sono poco intense rispetto a quelle che nel corso dei secoli hanno interessato il resto del mondo.

Basti pensare che il terremoto di Amatrice del 2016 registrò una magnitudo di 6.0 sulla scala Richter, mentre quello avvenuto in Cile il 22 maggio 1960, ad oggi il sisma più forte della storia, raggiunse una magnitudo pari a 9.5.
Questi che elenchiamo di seguito sono 10 dei terremoti più devastanti mai registrati.

10. Assam-Tibet, 1950 – Magnitudo 8.6

Almeno 1.500 persone sono state uccise in tutto il Tibet orientale e Assam, India, quando questo terribile terremoto scosse la regione il 15 agosto del 1950.
Crepe nella terra, grandi frane e vulcani di sabbia hanno colpito la zona.
La scossa è stata avvertita nelle province del Sichuan e Yunnan della Cina, ma anche in aree lontane come Calcutta in India.

Il sisma ha causato grandi frane che hanno bloccato i fiumi.
Quando quest’ultimi hanno infranto le pareti di detriti, l’acqua ha inondato diversi villaggi e ucciso centinaia di persone.
Questo terremoto è comunemente chiamato il terremoto Assam-Tibet o terremoto Assam, anche se l’epicentro è stato in Tibet.

9. Nord Sumatra, Indonesia, 2005 – Magnitudo 8.6

Più di 1.000 persone sono state uccise, con un bilancio di più di centinaia di feriti, per lo più in Nias, nel nord di Sumatra, in Indonesia.
Il sisma ha colpito pochi mesi dopo un terremoto ancora più grande che ha distrutto la regione (vedere la posizione 3).

8. Isole Rat, Alaska 1965 – Magnitudo 8.7

L’Alaska era uno Stato da soli 7 anni quando questo enorme terremoto innescò uno tsunami di oltre 10 metri.
Nonostante le dimensioni, il sisma ha causato pochi danni grazie alla sua posizione isolata sulla punta delle Isole Aleutine.
Il terremoto ha incrinato edifici in legno e diviso una strada asfaltata.
Lo tsunami è stato segnalato alle Hawaii e si diffuse nel più lontano Giappone.

7. Al largo della costa dell’Ecuador, 1906 – Magnitudo 8.8

Un catastrofico terremoto di magnitudo 8,8 con epicentro al largo delle coste di Ecuador e Colombia ha generato un forte tsunami che ha ucciso centinaia di persone.
Lo tsunami si diffuse lungo la costa dell’America Centrale, raggiungendo San Francisco e Giappone.
Il sisma si è verificato più di 100 anni fa, quindi i report sono vaghi, ma secondo l’USGS, i testimoni hanno registrato un enorme afflusso di acqua a Honolulu Bay.

6. Al largo di Maule, Cile, 2010 – Magnitudo 8.8

Almeno 500 persone sono state uccise e 800.000 sono state sfollate dal terremoto e dallo tsunami che ha colpito il Cile centrale nel 2010.
Più di 1,8 milioni di persone sono state colpite e la perdita economica totale è stata stimata di almeno 30 miliardi di dollari.
Il Cile centrale ha risentito delle scosse di assestamento per il successivo anno.
Il sisma ha colpito poco più di un mese dopo il disastroso terremoto di magnitudo 7.0 a Port-Au-Prince, Haiti.

5. Penisola di Kamchatka, Russia, 1952 – Magnitudo 9.0

Il primo terremoto registrato nella storia di magnitudo 9,0 ha colpito al largo della costa orientale della Kamchatka nel 1952.
Il sisma ha generato uno tsunami di 13 m a livello locale.
La grande onda anomala ha raggiunto le Hawaii e la California.

Nessuna vita è andata persa, ma in Hawaii i danni sono stati stimati fino a 1 milione di dollari.
Le onde gettarono le barche sulla spiaggia, hanno causato il crollo delle abitazioni, distrutto pontili, devastato spiagge e crepato la pavimentazione stradale.
Kamchatka è stata anche colpita da un terremoto di magnitudo 8,5 nel 1923.

4. Vicino alla costa orientale di Honshu, Giappone, 2011 – Magnitudo 9.0

L’11 marzo 2011, un terremoto di magnitudo 9,0 ha innescato uno tsunami che ha ucciso circa 29.000 persone e danneggiato alcuni reattori nucleari (disastro di Fukushima).
Questo è il più grande sisma mai registrato in Giappone.
Forti scosse di assestamento hanno continuato a far tremare l’isola di Honshu.

3. Al largo della costa occidentale di Sumatra del Nord, 2004 – Magnitudo 9.1

Questo terremoto è stato il terzo più grande nel mondo.
In totale, 227.898 persone sono state uccise o disperse e circa 1,7 milioni di persone sono state sfollate dal sisma e dal conseguente tsunami in 14 paesi del Sud-Est asiatico e in Africa orientale.
Lo tsunami ha causato più vittime di qualsiasi altro nella storia, anche se alcune stime dicono che il bilancio delle vittime del terremoto di Haiti (magnitudo 7.0) del 2010 è stato più grande.

2. Prince William Sound, Alaska 1964 – Magnitudo 9.2

Questo grande terremoto – e il conseguente tsunami – ha preso 128 vite e causato circa 311 milioni di dollari di danni.
Il tremore è durato circa 3 minuti, durante i quali molte città hanno visto crollare le case come castelli di carte.
Il potente sisma ha raggiunto anche Anchorage, a circa 120 chilometri a nord ovest dell’epicentro, dove le frane hanno causato danni enormi anche alla rete idrica e fognaria.
Gli impianti telefonici ed elettrici sono stati interrotti in tutta l’area.

1. Cile, 1960 – Magnitudo 9.5

Circa 1.655 persone sono state uccise nel corso del terremoto del Cile del 22 maggio 1960.
Altre migliaia sono state ferite, e milioni sono rimaste senza casa.
Il Cile meridionale ha subito 550 milioni di dollari in danni.
Il sisma ha innescato uno tsunami che ha ucciso 61 persone nelle Hawaii, 138 in Giappone e 32 nelle Filippine.
Ad oggi, è il più potente terremoto mai registrato nella storia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it