LAV lancia la campagna per l'acquisto di un'ambulanza veterinaria

LAV lancia la campagna per l’acquisto di un’ambulanza veterinaria

L'obiettivo è prevenire il randagismo e soccorrere gli animali in caso di calamità. Si può partecipare con un sms solidale o una chiamata al 45587
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – C’è tempo fino al 30 giugno per sostenere la campagna di raccolta fondi per il soccorso degli animali lanciata dalla LAV.  Donando 2 o 5 euro al numero 45587 (con una telefonata o un sms) si può contribuire all’acquisto di un’ambulanza veterinaria che sarà attiva su tutto il territorio italiano per le emergenze e per la prevenzione del randagismo. Soprattutto al Centro Sud e nelle Isole sono tanti gli animali costretti a una vita di stenti o esposti a continui pericoli, gli incidenti stradali ad esempio  possono costituire un rischio anche per l’incolumità pubblica. Il randagismo rappresenta anche un costo per la collettività: nel 2017 si sono spesi 402.031,00 euro al giorno per il mantenimento dei cani detenuti nei canili.

In tanti stanno sostendendo LAV e rilanciando la campagna, tra questi ci sono Tiziano Ferro, Massimo Wertmuller e Licia Colò. Tutti i video sono sulla Pagina Facebook LAVonlus.

«L’ambulanza veterinaria potrà essere un valido ausilio nel gestire emergenze, come in caso di animali vittime di calamità naturali – afferma Gianluca Felicetti, presidente LAV – Forti dell’esperienza che la nostra Associazione ha maturato sul campo nel corso dei più recenti e drammatici eventi sismici del Centro Italia, e del Protocollo d’intesa siglato con la Protezione Civile proprio per garantire il soccorso di animali, l’ambulanza veterinaria sarà uno strumento utile anche per azioni di profilassi e di prevenzione del randagismo (sterilizzazioni). Con una piccola donazione ci aiuterete a essere più efficaci nel soccorrere gli animali in difficoltà».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it