MFW: Maria Vittoria Cusumano racconta le sfilate di Iceberg e Dsquared2

MFW: Maria Vittoria Cusumano racconta le sfilate di Iceberg e Dsquared2

Curiosità, ospiti e molto altro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo la Londra Fashion Week e Pitti Uomo, Milano, città del glam per eccellenza, è stata illuminata dai riflettori delle passerelle della Fashion Week Men’s durante cui gli stilisti hanno presentato la collezione autunno-inverno 2020/2021. Tanti gli ospiti chiamati ad assistere e postare sui social le novità della moda maschile. Tra gli special guest anche Maria Vittoria Cusumano. L’imprenditrice, influencer e fondatrice del concept MVC, a Milano per il grande evento, ci ha raccontato le sfilate di Iceberg e Dsquared2.

La sfilata Dsquared2

Ad aprire la settimana della moda maschile di Milano è stato il brand Dsquared2 con una sfilata co-ed per celebrare il suo 25esimo anniversario: una vera e propria full immersion nei primi Anni 2000. A surriscaldare l’atmosfera ci ha pensato un video best of di quattro minuti che ha mostrato una carrellata di top model, come Naomi e Maria Carla Boscono, pop star, come Madonna, celebrities internazionali e immagini di sfilate in tutto il mondo accompagnate dalla musica Anni 80, R’n’B e funk. A sorpresa si sono esibite live le Sister Sledge, che hanno dettato il ritmo della sfilata con la loro We are family.

In passerella si sono visti i jeans a vita bassa e spesso con una finta sovrapposizione, stivaletti con il tacco alto per lui e lei, montoni rovesciati e cuciti in ogni forma e colbacchi rivisitati in big size. Si passa dal parka, al montgomery, alla cappa, per arrivare al cappotto strusciante e le micro gonne che fanno contrasto ai maxi maglioni maschili. Questi eterni ragazzi assurti all’olimpo della moda per i jeans scultorei, lo stile canadese e le provocazioni sexy, non ci hanno deluso neanche questa volta.

Dean e Dan Caten sono riusciti a proporci il concetto del divertimento e della sensualità ma senza ostentare troppo anche in questa sfilata”, ha commentato la Cusumano. “Tutti ingredienti -ha continuato-che hanno da sempre conquistato persone dello spettacolo come Madonna, Maluma, Christina Aguilera, solo per citarne alcune”.

Hot è stato il party che si è tenuto dopo la sfilata in via Lorenzini. Uno spazio con dj set e un enorme wall digitale su cui scorrevano foto del profilo Instagram dei due designers come forma di ringraziamentoper i momenti di amore condiviso in questi 25 anni di carriera. Innumerevoli i personaggi del mondo dello spettacolo presenti: Valentina Ferragni con il fidanzato Luca Vezil, l’attore e modello spagnolo Jon Kortajarena, la top model Barbara Palvin con il fidanzato Dylan Sprouse.

La sfilata di Iceberg

Alle ore 20 di domenica 12 gennaio all’Alcatraz –  storico club meneghino, punto di riferimento per la musica rap e trap – è andata in scena la sfilata del brand italiano Iceberg. Guidata dal direttore creativo James Long, la collezione uomo propone l’italian tailoring unito al vibe londinese dei ravers: uno stile sportswear che si fonde perfettamente al luxury. Long reinterpreta l’iconico ovale nel logo Iceberg  in una versione in giallo neon che diventa la nuova firma del brand, riprendendo inoltre i personaggi iconici del mondo Loonely Tunes, ridisegnati in una chiave originalissima, nei colori blu e nero dégradé di cappotti, giacche e felpe. Il punk sport viene reinterpretato nel pezzo iconico del k-way in tyvek, che unisce funzionalità e stile diventando borsa, con una zip a chiusura del fondo e le maniche diventano spalliere.

Nella collezione ho deciso di reinterpretare  e recuperare la storia di Eddie Peake, un artista inglese dei primi anni 2000 e riaccostarne l’ atmosfera riprendendone i colori e gli stili per ricreare un rave arty con un vibe ‘illegale’”, ha spiegato lo stilista. 

Una collezione che in passerella si traduce in 44 uscite dall’ispirazione londinese, che passa dai giubbotti camouflage milletasche, ai maglioni destroyed e i cargo pants”, ha raccontato Maria Vittoria Cusumano. “Non mancano riferimenti italiani allo sportswear -ha continuato- come i piumini di ogni lunghezza e forma e le mascherina da sci. I modelli sono pronti a mordere la catwalk con ai piedi anfibi di impronta militare o sneakers dall’allure grunge. Accessori come marsupi tecnici a tracolla e cravatte col moschettone diventano protagonisti. Un sfilata trasformata in un rave party in piena regola a tinte dark, come la palette dei capi, intervallate da lampi di colore verdi fluo, blu degrade, rossi e bianchi per reinterpretare il punk sport; ne sono rimasta assolutamente conquistata“.

Tra gli ospiti presenti, oltre alla Cusumano, anche Giulia Salemi, Marvely, Lazza, Desirée Popper, Ludovica Pagani, Ludovica Bizzaglia, Shade, Elisa Maino, Margela, Roberta Ruiu, Stefano Sala e moltissimi altri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it