Scoprire e nutrire le proprie passioni ai tempi del coronavirus

Scoprire e nutrire le proprie passioni ai tempi del coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Come poter rendere creativo questo periodo di isolamento che ci ha imposto il coronavirus? Paradossalmente questo momento, caratterizzato da tante limitazioni, può diventare un’opportunità per coltivare le proprie passioni, così come in una situazione molto più estrema è accaduto a Frida Kahlo, grande artista del ‘900. Frida infatti scoprì la sua passione e vocazione per la pittura nel 1925, a soli 18 anni, quando a seguito di un terribile incidente stradale fu gravemente ferita alla colonna vertebrale e fu costretta a passare molti mesi a letto. In seguito a ciò dovette indossare per moltissimo tempo dei busti di gesso, vivendo quindi una condizione di totale o parziale immobilità. Proprio in quei periodi, per vincere la noia e il dolore, cominciò a dipingere con i colori ad olio che trovò nello studio fotografico del padre; per realizzare dei ritratti si fece costruire un apposito cavalletto, ed anche un baldacchino per il letto che serviva a sorreggere uno specchio. Soluzioni creative per riuscire a coltivare quella che aveva scoperto essere la sua più grande passione. Il termine creatività  indica genericamente l’arte o la capacità di inventare ed è strettamente collegato al pensiero divergente, perché con la creatività si individuano soluzioni nuove soprattutto nei momenti di difficoltà come questo. Attraverso questi spunti si può riconoscere l’opportunità di dare valore e importanza alle passioni della propria vita, in particolare durante questo periodo in cui ci si può sentire in balia degli eventi e incerti per il futuro. In questo momento si può soffrire la perdita delle proprie abitudini e ci si può sentire lontani dagli amici, tuttavia coltivare le proprie passioni può diventare davvero qualcosa di nutriente e può alleggerire l’atmosfera, un vero “toccasana” per questo isolamento.

COSA FARE PER NUTRIRE (O SCOPRIRE) LE PROPRIE PASSIONI:

1. ORGANIZZA IL TEMPO. Utilizza una parte del tempo della tua giornata per le attività che ami o che ti attraggono, scoprirai che questi momenti ti consentono di staccare la spina dai problemi del momento e di stare meglio. Spesso nella routine quotidiana non si riesce ad avere molto tempo da dedicare alle proprie passioni, fallo ora, sia che si tratti di attività che già porti avanti nella tua vita, sia che si tratti di un hobby o semplicemente di qualcosa che ti piacerebbe iniziare ma non ne hai ancora avuto l’occasione.

2. IMPARA ed ESERCITATI di più grazie anche alle lezioni online e ai tutorial, riprendi quell’idea che è rimasta in attesa lì da una parte, gioca con le ispirazioni…

3. SPERIMENTATI in compagnia degli amici, dei compagni di un corso, crea anche nuovi gruppi con ragazzi che condividono le tue stesse passioni. Fortunatamente la tecnologia ci viene in soccorso, quindi usiamo le videochiamate tramite Skype, Whatsapp, Hangout, Houseparty…

4. CONDIVIDI le tue creazioni e passioni anche con i tuoi familiari oppure pubblica dei post sui tuoi social facendo conoscere anche quel tuo lato creativo che non tutti conoscono o addirittura non immaginano che tu abbia!

5. PARTECIPA al Concorso di idee ‘Lontani ma vicini’ o ad altri concorsi che si trovano in rete…

CURIOSITÀ

È stata pubblicata la raccolta “Lettere appassionate” nelle quali Frida racconta tutta la sua passione per l’arte, per la vita e per gli uomini dei quali si è innamorata.

Una celebre dichiarazione di Frida: <>.

Guarda il video sulla biografia di Frida Kahlo

Guarda la retrospettiva digitale “Faces of Frida”, una galleria virtuale con oltre 800 opere, fotografie, lettere private, vestiti e oggetti: https://artsandculture.google.com/project/frida-kahlo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it