Il nodo cruciale resta questa maturità ai tempi del covid…

Salve,
quest’anno ho la maturità e mi ritrovo a far fronte a tutti questi cambiamenti. Sicuramente questa quarantena non mi dispiace molto, mi piace stare da sola, mi piace leggere, scrivere, disegnare, studiare, pensare. Ma il nodo cruciale resta questa maturità che definirei sempre più una incognita. Io studio tanto (tanto tanto) ma ho ancora paura, di non riuscire ad essere all’altezza delle aspettative, la mie prima di tutto, proprio sul più bello. Mi sembra che dimentico tutto, che fatico ad imparare. Spero sia solo una sensazione. Che consigli mi suggerite?

Vale


Cara Vale,
hai ragione questo isolamento forzato può essere una grande opportunità. Vivere un momento di introversione ci aiuta a dare spazio a passioni e risorse nascoste, a quella creatività che rafforza la consapevolezza e la stima di Sè. 
Anche se sembrano delinearsi sempre più le modalità degli esami di maturità, le notizie contraddittorie non aiutano per nulla a gestire lo studio e a progettarlo. Il coronavirus ha sottratto alla maturità non solo la routine burocratica ma anche tutte quelle ritualità di preparazione, come la festa dei 100 giorni, il viaggio della maturità, i gruppi di studio, minando in qualche modo la progettualità. Fase fondamentale invece, e che voi ragazzi dovete riappropiarvi.
Sicuramente non è stato facile adattarsi velocemente a questa didattica online, che sembra facile ma nasconde diverse insidie come l’attenzione e la motivazione. Magari in questo momento è importante potenziare le capacità di apprendimento e memorizzazione esercitandosi ad utilizzare tutti e cinque i sensi che abbiamo a disposizione, ognuno di essi può fornirci un aggancio evocativo.  Anche il sonno ha un ruolo fondamentale per la memorizzazione delle informazioni apprese durante il giorno. Una riduzione significativa delle ore di sonno riduce la memoria, la capacità di giudizio, l’apprendimento, la capacità di fare associazioni, la creatività e l’attenzione. Per mantenere una corretta igiene del sonno, magari potrebbe essere utile in questa fase cercare di scandire comunque la giornata con una corretta alimentazione e una buona attività fisica. Il movimento libera delle endorfine capaci di renderci più serene. Sui social sono partite molte iniziative online che permettono di fare sport pur restando a casa o anche semplicemente la musica alta e un ballo scatenato possa avere lo stesso effetto.
Questi potrebbero essere alcuni strumenti anche se la tua scarsa memoria potrebbe essere maggiormente legata all’aspetto emotivo e a quella possibilità di non sentirsi mai sufficientemente all’altezza. 
La maturità è il risultato di molto altro non è solo un giudizio numerico, è la paura arcaica di affrontare da soli le proprie decisioni, è l’aspettativa individuale ma anche sociale di diventare grandi, è la necessità di mettere una pietra stabile in una direzione futura, è l’esitazione di voler essere grandi ma di non sapere ancora quale sia la cosa più giusta da fare. Sempre che ci sia sempre la cosa giusta da fare. Nessun giudizio potrà completamente descrivere il tuo percorso, la tua persona ma da lì potrai partire per scrivere la tua storia. Ti definisci una ragazza studiosa siamo sicuri che riuscirai ad affrontare questo momento, lascia che la paura dia spazio alle molteplici risorse che ti appartengono.
In bocca al lupo allora!
Un caro saluto!

4 Maggio 2020