"Calabroni killer" arrivano in Italia: sono pericolosi per l'uomo?

“Calabroni killer” arrivano in Italia: sono pericolosi per l’uomo?

Tutto quello che c'è da sapere sulla vespa velutina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Arriva la bella stagione, e con essa sole, caldo, mare e… punture di insetti.
Se le zanzare creano fastidi, quello che desta preoccupazione in milioni di persone sono api, vespe e calabroni.
Nelle ultime settimane, è uscito alla ribalta sulla cronaca nazionale l’allarme “calabroni killer” (Vespa velutina) anche da noi.

Ma cosa sono? E perché sono pericolosi?

La Vespa velutina (calabrone asiatico) è un imenottero originario del sud-est asiatico, la cui sottospecie nigrithorax è stata accidentalmente introdotta nella zona meridionale della Francia, e da li si è diffusa in Spagna, Portogallo, Belgio fino a giungere in Italia.

A causa del soprannome popolare “calabrone killer”, la Vespa velutina potrebbe sembrare una minaccia per gli esseri umani. In realtà è pericolosa per l’uomo quanto una comune vespa europea, sebbene la sua puntura sia molto dolorosa e il suo veleno, molto rischioso per i soggetti allergici, può portare shock anafilattici anche letali, soprattutto in caso di punture multiple.

Eppure, a temere non dovrebbe essere l’uomo, ma le api. La vespa Velutina non ha nemici naturali e si nutre di api, mettendone a rischio la popolazione, già in calo in Europa.

Il calabrone asiatico è spesso confuso con la Vespa mandarinia, il vero calabrone killer, un imenottero dalle dimensione di un pollice, noto per le punture altamente tossiche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it