Volevo chiedervi se con il petting senza mutande si può rimanere incinta.

Volevo chiedervi se con il petting senza mutande si può rimanere incinta…

Buonasera,
volevo chiedervi se con il petting senza mutande si può rimanere incinta. Lui mi ha solo toccato con le mani, e non è venuto, io sono vergine ma ho molta paura. So che in teoria non è possibile ma ho due settimane di ritardo, e sono molto preoccupata. Spesso ho ritardi lunghi ma non so che pensare.
Secondo voi ho corso qualche rischio? Perché ho questo ritardo?

Tania, 14 anni


Cara Tania,
è normale vivere delle preoccupazioni quando si hanno le prime esperienze ed è naturale avere dei dubbi sulla sessualità alla tua età e proprio per questo è importante informarsi per togliersi qualsiasi dubbio per poter vivere più serenamente la sessualità.
Ci teniamo a tranquillizzarti, poiché con il solo petting non è possibile rischiare una gravidanza poichè vi è solo un contatto esterno tra i genitali. Devi sapere che affinché ci sia un concepimento deve esserci un rapporto completo con penetrazione ed eiaculazione all’interno dei genitali femminili, durante i giorni fertili della donna, che in un ciclo regolare di 28 giorni cadono all’incirca tra l’11 ed il 18° giorno di ciclo.
Comprendiamo la tua preoccupazione però sappi che il ritardo non è necessariamente correlato con una gravidanza ma può essere legato a molteplici fattori come fisiologiche oscillazioni ormonali, stress fisici, cambi di abitudini alimentari, alterazioni del ciclo sonno/veglia, assunzione di farmaci ed anche stress, che causano ritardi o anticipi e anche cambiamenti nel flusso rendendolo più o meno abbondante.
Tu ci scrivi che hai un ciclo irregolare, e quindi spesso dei ritardi anche lunghi, ti consigliamo di rivolgerti ad un ginecologo di fiducia oppure di recarti presso un Consultorio della tua zona in modo da avere consigli su come migliorare la regolarità del ciclo.
Un caro saluto 
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it