I Predatori di Pietro Castellitto arriva nelle nostre case. Ecco dove vederlo

Il film rappresenta l'esordio dietro la macchina da presa del giovane regista
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Se ancora non avete avuto la fortuna di vedere I Predatori di Pietro Castellitto – senza alcun dubbio il miglior esordio alla regia dell’anno – il film sarà disponibile sulle principali piattaforme on demand dall’11 dicembre: Apple TV, iTunes, Google, YouTube, Amazon Prime Video, Chili, Rakuten TV, Timvision, Infinity e Huawei Video.

LA STORIA

Vincitore del Premio migliore sceneggiatura alla 77. Mostra del Cinema di Venezia, il film -scritto, diretto e interpretato dal giovane Castellitto- segue la storia di due famiglie: i Pavone e i Vismara. Borghese e intellettuale la prima, proletaria e fascista la seconda. Nuclei opposti che condividono la stessa giungla, Roma, e la ricerca della felicità da ‘predatori’. Un banale incidente, però, fa collidere queste due famiglie, al tempo stesso, diverse e simili. Ad unire i due nuclei familiari, l’uno ignaro dell’esistenza dell’altro e viceversa, ci pensa Federico, interpretato da Castellitto. Come il regista, anche questo personaggio ha in sé una grande frustrazione: il primo ci ha fatto un film, il secondo, invece, è un giovane assistente di filosofia che viene lasciato fuori dal gruppo selezionato per la riesumazione del corpo di Nietzsche e per questo sceglie la via del gesto estremo. Un piano folle, secondo Federico, per smascherare i personaggi mostrando quello che sono veramente: ovvero dei ‘predatori’, che farebbero qualsiasi cosa pur di cambiare la direzione del proprio destino.

LEGGI QUI LA RECENSIONE

Abbiamo incontrato Pietro Castellitto alla 77. Mostra del Cinema di Venezia, ecco cosa ci ha raccontato:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it