GFVip, Filippo Nardi su Antonella Elia: "Dovrebbe guardarsi allo specchio"

GFVip, Filippo Nardi su Antonella Elia: “Dovrebbe essere la prima a guardarsi allo specchio”

L'ex gieffino parla ai microfoni di Radio Cusano Campus dopo la squalifica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
“Mi sono accorto che il Gf non è il mio programma. Mi scuso ancora pubblicamente se ho offeso l’opinione pubblica, non accetto accuse di sessismo da parte delle donne e delle persone che mi stanno accusando perché per me prima della donna viene l’essere umano”. Così Filippo Nardi, reduce dalla breve esperienza all’interno della Casa del Gf Vip, interviene su Radio Cusano Campus a Un Giorno Da Ascoltare con Misa Urbano e Arianna Caramanti. L’ex gieffino è stato squalificato dal reality in seguito ad alcune affermazioni offensive rivolte contro Maria Teresa Ruta e altre donne della casa. “In Inghilterra quello che ho fatto avrebbe fatto ridere, gli inglesi forse si prendono più in giro. Io comunque non ce l’ho con Maria Teresa Ruta anche dopo tutto quello che sta succedendo. La cosa che mi è molto dispiaciuta è che abbiano aggiunto cose sul montaggio del video che in realtà non c’entravano nulla, sembrava fosse montato tutto ad hoc. Non si possono usare le donne come scusa per andare addosso alle persone perché da quando sono uscito sono stato anche minacciato di morte, me ne hanno dette di tutti i colori.” Filippo ha poi esposto il suo pensiero su Antonella Elia, che nella puntata di sabato scorso di Verissimo ha utilizzato dure parole nei suoi confronti.    “Si è scagliata contro di me per quale motivo? Per avere un’inquadratura in più? Non può parlare di buongusto, io non mi sono mai vantato della mia nobiltà. Ho problemi con chi predica la moralità e la correttezza e poi non è così. Io non mi arrabbio altrimenti farei il suo gioco ma lei dovrebbe essere la prima a guardarsi allo specchio. Non ho più acceso la Tv per evitare di seguire tutto questo polverone, c’è tanta frustrazione in giro soprattutto in questo periodo. Alcune persone che mi hanno criticato dovrebbero ringraziarmi per aver fatto in modo che si parlasse di loro. Io non ho creato un personaggio, io sono così e quando sei come me o ti limiti in continuazione, come fa qualcuno o la tua indole viene fuori inevitabilmente. Penso che non ci sia più spazio per i reality in questo Paese se non si può essere se stessi”. Per quanto riguarda le nomination, se fosse rimasto all’interno della casa del GF Vip, Nardi avrebbe nominato “Tommy (Tommaso Zorzi) perché gli avevo chiesto il permesso di farlo proprio perché non volevo nominare Maria Teresa Ruta e permetterle così di andare avanti anche per chiarire con me. Vorrei che tutti quelli che si stanno presentando in tv in questo periodo abbiano la correttezza di dire che sono li per il gettone di presenza a sparare contro le persone.” Sulla sua esperienza come inviato de Le Iene ha raccontato: “Non è tutto oro quello che luccica: ho fatto servizi bellissimi per Le Iene che non sono andati mai in onda e sono stati oscurati, anche politici. Ricordate che la tv è un’industria e come qualsiasi altra industria si vende quello che va per la maggiore al momento, della gente che ha un carattere e dei sentimenti non interessa. Ho preso coscienza di questo concetto tanti anni fa quindi so perfettamente come vanno le cose anche se quello che sta accadendo in questo momento mi dispiace. E’ un gioco al massacro.”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it