Kayler: “Rappo per far emergere la mia voglia di rivalsa”

L'artista romano si racconta tra numeri da record e una passione nata all'età di 8 anni e anticipa un progetto che sarà "sacro"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I suoi singoli contano milioni di visualizzazioni su YouTube ma è ancora “la voglia di rivalsa” che spinge Kayler a scrivere i suoi pezzi. Il trapper romano – su tutte le piattaforme con il suo ultimo singolo ‘Caos’ – ha catturato l’attenzione di non pochi appassionati di hip hop e i numeri lo testimoniano.

Ai nostri microfoni (rigorosamente a distanza), l’artista classe 1997 si è raccontato. Ci ha parlato del suo ultimo singolo e dell’inizio del suo percorso nel mondo della musica a 8 anni ma non solo. 

L’INTERVISTA ↓

E oggi i riconoscimenti, ha ammesso Kayler al secolo Flavio Laloni, “mi hanno dato la conferma che non ero solo un illuso come magari dicevano i miei genitori, i professori o la gente che giudica senza entrare nella vita degli altri. Mi ha dato una grande soddisfazione e un botto di autostima”. Proprio per questo in Kayler rimane “la voglia di rivalsa”. E sull’argomento il trapper ha spiegato: “In me c’è sempre la voglia di riscatto, come se qualcuno mi avesse tolto qualcosa. È la voglia di prendermi quello che ho sempre voluto”. 

Cresciuto nella periferia romana, l’artista si prepara a un 2021 pieno di novità: “Aspettatevi tanta musica- ha assicurato-aspettatevi tanti singoli perché non farò uscire un album finché non avrò tutta l’attenzione che voglio avere. Stiamo lavorando, il progetto che sto costruendo è come lo volevo costruire. Mancano dei tasselli, li stiamo mettendo insieme. Il mio progetto sarà un progetto sacro. Aspettatevi tanta roba”.

Bio

Kayler inizia da adolescente a condividere canzoni attraverso Youtube e Facebook con lo pseudonimo di Rayd e, nel 2012, ad appena 15 anni, raggiunge già un buon seguito.

Passata un’infanzia né agiata né semplice, il ragazzo vede nella musica la sua strada per realizzarsi e nel successo “l’unico modo di essere ‘normale’, la chiave di uscita da un vuoto perenne che sentivo dentro di me”, come ha raccontato lui stesso. Nel 2014 entra a far parte di un collettivo di artisti chiamato Xtremerecords. Successivamente sceglie di cambiare il suo nome d’arte da Rayd a Kayler, si chiude in studio per lavorare su nuova musica e inizia a pubblicare vari brani in esclusiva su YouTube.

A febbraio 2019, “Sporco Dinero” (ft. Boston George) è il suo primo singolo a uscire su tutti i digital store. Il brano entra nella “Viral50 Italia”. Tre mesi dopo pubblica “Rock & Roll” (ft. Dat Boi Dee) e replica entrando sia nella “Viral50” sia in “Raptopia”. Da qui in poi i suoi brani – come “Bla Bla Bla”, “C’era una volta” (che va in copertina su “Raptopia”) e “Felici e contenti ” – entrano regolarmente nelle playlist e nelle classifiche
italiane.

Nel giro di due anni, da artista indipendente, a forza di lavorare sui dettagli della propria musica, passa da circa 10k di visualizzazioni su YouTube a milioni di streaming su Spotify.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it