Cosa succede lontano da noi: in Libano niente scuola da ottobre 2019

Dall’inizio della pandemia, più di 1,2 milioni di minori nel Paese non ha frequentato lezioni

DAL COVID ALLA CATASTROFE EDUCATIVA

La crisi sociale ed economica in Libano si sta trasformando in una catastrofe educativa, con i bambini vulnerabili che corrono il rischio reale di non tornare più a scuola. Dall’inizio della pandemia, più di 1,2 milioni di minori nel Paese non ha frequentato lezioni. Nell’ultimo anno di COVID-19, i bambini libanesi hanno ricevuto un massimo stimato di 11 settimane di istruzione, numero che è ancora inferiore per i bambini siriani. Lo afferma Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per difendere i bambini a rischio e garantire loro un futuro, nel nuovo rapporto: “Lebanon Education in Crisis: Raising the Alarm”. Il rapporto mostra che, anche prima della pandemia, la disuguaglianza legata alla crisi economica nel Paese ha portato a un divario nell’accesso a un apprendimento di qualità tra i bambini più poveri del Libano.

Il 55% delle famiglie libanesi vive attualmente in povertà, con tassi ancora più elevati tra i rifugiati palestinesi (70%) e siriani (90%). La povertà è un forte ostacolo all’accesso dei bambini all’istruzione, poiché molte famiglie non possono permettersi materiali e strumenti per l’apprendimento o devono fare affidamento sui minori per ottenere un reddito.

Molti bambini in Libano non vanno a scuola dall’ottobre 2019, quando le proteste e i disordini civili hanno colpito molte parti del Paese. Lo stesso anno, diversi scioperi degli insegnanti per ritardi nei pagamenti degli stipendi, hanno provocato altre interruzioni nell’apprendimento.

LA STORIA DI ADAM 

Per accedere alle lezioni online, l’undicenne Adam si affida a uno smartphone che condivide con le sue due sorelle o si reca a casa del vicino per utilizzare la sua connessione Internet.

“Quando ci inviano le lezioni, non le capisco molto bene. Sarebbe meglio tornare a scuola, ma ho anche paura di tornare, perché cosa succederebbe se uno dei miei amici venisse infettato dal COVID-19? Ci infetterebbe tutti?”.

LA STORIA DI HALA 

La piccola Hala di quattro anni frequenta un centro di educazione prescolare comunitario, gestito da Save the Children nel Nord del Libano, non parla bene come dovrebbe fare una bambina della sua età. La madre ha detto: “Se non fosse stato per i miei continui colloqui con Hala sulla scuola l’anno scorso, non sono sicura che avrebbe capito la situazione. Con i blocchi e il contesto economico attuale, Hala non esce quasi mai di casa e questo non fa bene al suo benessere mentale e ai suoi progressi in logopedia. Senza scuole in cui interagire con i bambini della sua età e privata della possibilità di uscire per andare anche in un parco, ero molto preoccupata per lei. Anche se ci sono blocchi, il centro continua a fornire lezioni e attività di istruzione online, il che mi ha davvero incoraggiato a iscrivere mia figlia”.

Purtroppo, a causa della crisi economica in corso l’apprendimento a distanza è fuori dalla portata di un numero sempre maggiore di bambini. La madre di Hala ha detto che Internet sta diventando sempre più costoso per loro, poiché suo marito non riesce a trovare un lavoro regolare. Gli strumenti necessari per l’e-learning a distanza come laptop e tavoli sono diventati inaccessibili con la svalutazione della moneta locale.

“L’istruzione per migliaia di bambini in Libano è appesa a un filo. E un gran numero di minori potrebbe non tornare mai più in classe o perché hanno già perso così tanto apprendimento o perché le loro famiglie non possono permettersi di mandarli a scuola. I bambini in Libano avevano già tassi di alfabetizzazione e matematica inferiori alla media dei paesi del Medio Oriente. Più a lungo non vanno a scuola, più rimarranno indietro. Stiamo già assistendo al tragico impatto di questa situazione, con bambini e adolescenti che lavorano nei supermercati o nelle fattorie e ragazze costrette a sposarsi. Come in molte crisi, sono i più poveri e il gran numero di rifugiati del Paese i più colpiti dalla crisi che peggiora sempre più” ha dichiarato Jennifer Moorehead, Direttore di Save the Children in Libano.

L’APPELLO DI SAVE THE CHILDREN

Save the Children sottolinea la necessità di intraprendere un’azione urgente per garantire che un’intera generazione non perda l’opportunità di ricevere un’istruzione. Oltre a perdere l’apprendimento, bambini e adolescenti che non vanno a scuola corrono un rischio maggiore di cadere vittime del lavoro minorile, dei matrimoni precoci e di altre forme di abuso e sfruttamento. Anche i minori con disabilità subiscono un grave impatto poiché perdono i benefici per lo sviluppo derivanti dall’andare a scuola e dall’interazione con altri coetanei.

Save the Children chiede che le scuole aprano non appena sarà possibile per le condizioni di sicurezza e che tutti i bambini possano accedere all’istruzione indipendentemente dal loro background o sesso.

2021-04-01T13:20:54+02:00