VIDEO| Acrobazie e climate change: il parkour a Parigi spegne le luci degli Champs-Elysées

I protagonisti: "Vogliamo lanciare un messaggio al Pianeta ma voi, ragazzi, non provateci neanche a casa"

A Parigi qualcosa si spegne. Sono le luci degli Champs-Élysées, offuscate dagli acrobati di parkour. Un atto di vandalismo? Tutt’altro, si tratta di un’iniziativa a carattere ambientalista. È il ‘Lights off ‘, la campagna internazionale contro l’inquinamento da luci nel Pianeta.

Il servizio del Tg1 sul Light Off agli Champs-Élysées:

COS’È IL PARKOUR? 

Il parkour è una disciplina sportiva nata in Francia partire dalla metà degli anni ‘80. I primi termini utilizzati per descrivere questa forma di allenamento furono “arte dello spostamento’ (art du déplacement) e «percorso» (parcours). I praticanti del parkour sono chiamati tracciatori (traceurs), o tracciatrici (traceuses) al femminile. (Wikipedia)

IL ‘LIGHT OFF’ A PARIGI DESCRITTO DAL THE GUARDIAN

(Articolo tradotto, qui l’originale)

Gli Champs-Élysées possono essere vuoti, con un rigoroso coprifuoco pandemico in atto in tutta la Francia, ma i negozi hanno comunque lasciato i loro cartelli. E così alcuni mesi fa un collettivo di parkour ha deciso di prendere in mano la situazione. Con i membri che usano le loro capacità ginniche per arrampicarsi su muri e impalcature per spegnere le insegne luminose, il collettivo On The Spot con sede a Parigi è solo uno dei numerosi collettivi di parkour in Francia che cercano di aumentare la consapevolezza sull’inquinamento luminoso e il consumo di energia.

“Spegnere le luci è un messaggio simbolico sugli sforzi fondamentali che le aziende dovrebbero compiere”, ha detto Kevin Ha, un 28enne che sta completando il suo dottorato in oceanografia e leader di On the Spot. “Ovviamente non possiamo spegnere tutte le luci a Parigi, ma speriamo di dimostrare come anche le piccole azioni possono fare la differenza”.

Ha sottolinea, tuttavia, che le persone non dovrebbero tentare di arrampicarsi su edifici o muri se non adeguatamente addestrate, dicendo: “Non provateci a casa, ragazzi”.

Nonostante il fatto che siano spesso fuori dopo il coprifuoco, gli agenti di polizia che pattugliano il viale raramente li infastidiscono, dicono i corridori del parkour, e invece il più delle volte agiscono come un pubblico. Non volendo che nessuno si senta insicuro, si assicurano di evitare di spegnere i segnali nelle aree del viale non illuminate da lampioni pubblici e di evitare di danneggiare le vetrine dei negozi.

Nessuna della mezza dozzina di società, comprese Sephora e Dyson, le cui segnaletiche sono state spente da On the Spot, ha risposto a una richiesta di commento. 

On the Spot è stato ispirato dal collettivo di parkour Wizzy Gang con sede a Rennes, nel nord-ovest della Francia. Wizzy Gang ha avuto l’idea dopo aver visto un video in cui il popolare YouTuber Partager C’est Sympa.

Ha, la cui ossessione infantile per Batman lo ha portato al parkour a 15 anni, ricorda che “nel tempo lo sport viene sempre più utilizzato come forma politica di espressione artistica. Non è la performance solo per il bene della performance, ma la performance per il bene del pianeta”.

2021-04-04T23:02:10+02:00