Cacciata di casa e minacciata di morte dai genitori perché lesbica: la storia di Malika

La 22enne di Castelfiorentino vive ora nella paura

ROMA – Si può arrivare a sporgere denuncia ai propri genitori? Se questi ti cacciano ti casa e ti minacciano di morte sì. Lo sa bene Malika, 22enne di Castelfiorentino, che ha vissuto tutto questo solo per aver rivelato in una lettera aperta di essere lesbica. La sua storia è balzata agli onori della cronaca dopo il racconto che ne ha fatti ai microfoni di Fanpage. Ed è proprio lei a rivelare particolari agghiaccianti, che rimettono in gioco la questione dell’omotransfobia di cui si è parlato tanto nei giorni scorsi (QUI la discussione tra Fedez e il senatore Pillon sul Ddl Zan).

“Se ti vedo t’ammazzo. Sei la rovina della nostra famiglia”

“Sei uno schifo, lesbica, se ti vedo t’ammazzo. Non mi portare a casa quella p*****a perché le taglio la gola, sei la rovina della nostra famiglia”. È questa solo una delle frasi che la mamma le urla in un audio di Whatsapp, come si può ascoltare nella videointervista di Fanpage.

     Visualizza questo post su Instagram           

Un post condiviso da Fanpage.it (@fanpage.it)

Vere e proprie minacce che Malika ha dovuto segnalare ai Carabinieri. Tutto inizia a gennaio quando decide di aprirsi ai genitori e raccontare quello che non voleva più nascondere. Scrive una lettera che ovviamente la famiglia non prende bene. Poco dopo Malika si ritrova senza un tetto e senza effetti personali, “sequestrati” dalla madre che non vuole vederla neanche per consegnarglieli. Da lì è una minaccia dopo l’altra, Malika racconta di aver paura e di aver ricevuto questi messaggi da tutta la famiglia.

Violenze verbali ma non solo, come quando i genitori scoprirono della sua iscrizione segreta al calcetto. “Quando trovarono nella macchina i miei indumenti da calcetto- dice- scoppiò il finimondo e mi misero le mani addosso”.

Il sindaco di Castelfiorentino: “Sono sconvolto”

“Sono sconvolto”, ha detto il sindaco di Castelfiorentino ascoltando la storia e chiedendo a Malika di “Mettersi in contatto con me il primo possibile perché cercherò di darle una mano”.  Il primo cittadino ha aggiunto: “Come sindaco di questa cittadina voglio esprimere un pensiero ben preciso: non permetterò mai che una persona possa essere discriminata in questo modo, cacciata di casa e trattata come una reietta soltanto perché è innamorata di una persona dello stesso sesso. Ci sono dei valori e dei principi che vanno difesi e garantiti perché sono principi di civiltà”. 

“Non sono io il problema”

Malika, in fondo, lo sa. Non è lei il problema e lo ripete tra le lacrime: “Non c’è niente di male ad amare qualcuno, a prescindere dal sesso o da qualsiasi altro fattore. Nell’amore non ci sarà mai nulla di male”.

2021-04-12T13:53:40+02:00