LOL: Chi ride è fuori, in attesa della stagione 2 ecco l’Aftershow

Dalla versione censurata di 'Mi******ne pazzo' alla sfida tra Fedez e Lillo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tutti ne parlano, i social sono esplosi dal primo giorno del debutto su Amazon Prime Video, si candida ad essere il comedy show rivelazione dell’anno, impossibile non ridere e alcuni momenti del programma sono già ‘cult’. Questo (anzi molto di più) è LOL: Chi ride è fuori.

Il comedy show Amazon Original Italiano, senza precedenti, ha visto sfidarsi fra dieci comici professionisti chiamati a restare seri per sei ore consecutive provando a far ridere i loro avversari. Tutto questo per aggiudicarsi un premio finale di 100.000 euro che sono stati devoluti ad un ente benefico scelto dal vincitore, ovvero Ciro dei the Jackal.

ElioCaterina Guzzanti, Lillo, Angelo PintusFrank MatanoKatia FollesaCiro e Fru dei the JackalMichela Giraud e Luca Ravenna sono stati i protagonisti di un esperimento comico senza precedenti che li ha visti sfidarsi a colpi di battute, cercando di strappare una risata al gruppo senza mai cedere alla comicità degli avversari, arricchendo la serie di diversi stili comici: stand-up, improvvisazione, commedia fisica e tanto altro. 

LEGGI QUI LOL CHI RIDE È FUORI STAGIONE 2

Dalla versione censurata di ‘Mi******ne pazzo’ di Michela Giraud a Fedez chiamato a non ridere davanti a Lillo e Pintus: Amazon ha rilasciato Aftershow, un video di cinquanta minuti che ripercorre la prima stagione svelando qualche aspetto inedito (e divertente, ovvio!) dei sei episodi.

LOL CHI RIDE È FUORI, GUARDA L’AFTERSHOW

LOL CHI RIDE È FUORI, LE INTERVISTE AL CAST

LE CONCORRENTI DI LOL CHI RIDE È FUORI SULLA COPERTINA DI VANITY FAIR

Le protagoniste di LOL: Chi ride è fuori,  Michela Giraud, Katia Follesa e Caterina Guzzanti, ritratte come Veneri di Botticelli sulla copertina del numero speciale di Vanity Fair dedicato alla bellezza inclusiva.

Stiamo vivendo anni di profondi e radicali cambiamenti. Da una parte c’è chi è figlio o figlia di un’eredità storica consolidata, con canoni estetici definiti, dall’altra, chi sta provando a riscrivere tutto da capo, con posizioni radicali che descrivono la bellezza come la capacità di prendere per pregi quelli che fino a ieri venivano considerati difetti“, ha scritto Simone Marchetti, direttore del magazine, nel suo editoriale. “Con questo numero di Vanity Fair abbiamo voluto riflettere su questa rivoluzione. @caterguz, @michelagiraud e @katioska76, protagoniste dell’ultimo fenomeno televisivo, il divertentissimo programma #LOLitalia – Chi ride è fuori. Le abbiamo ritratte – ha continuato – come tre Veneri ispirandoci alla mitica dea nascente dipinta da Sandro Botticelli. La loro comicità racconta di intere generazioni di donne in bilico tra quello che sappiamo della bellezza e quello che dobbiamo ancora imparare. E ci ricorda di non smettere mai di essere leggeri e ironici, proprio come loro“.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Vanity Fair Italia (@vanityfairitalia)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it