Fedez ancora contro Salmo: “Le conseguenze delle tue proteste le pagano i lavoratori”

Il rapper commenta ancora la polemica scoppiata dopo il concerto di Olbia del collega

Fedez non molla la presa e torna ad attaccare Salmo. Nel nuovo “episodio” della faida dell’estate, il rapper si scaglia contro il collega incolpandolo di non aver pensato ai risvolti negativi delle sue azioni. Il musicista sardo continua a far parlare di sé per un concerto organizzato a Olbia e presto diventato un mega assembramento in centro città.

“Quando si protesta- dice Fedez nelle storie di Instagram- bisogna pagare le conseguenze. Ed è giusto che le conseguenze le paghino gli altri perché davanti alla voglia di cantare fortissimo di un artista benestante è giusto che le conseguenze le paghino i piccoli commercianti e artigiani di Olbia che oggi si sono viste annullare la Sagra del Mirto. Queste persone probabilmente sono meno agiate dell’artista e probabilmente avevano la vera necessità di lavorare per portare cibo a casa. Però quando si protesta non si guarda in faccia nessuno“.

LEGGI ANCHE: Fedez torna contro Salmo: “Non hai rispettato le persone, sei un narcisista”

Il consiglio agli artisti del “team” Salmo

E, mentre riceve l’ennesima querela da uno dei politici citati al Concertone del Primo Maggio, Fedez si rivolge anche ai colleghi che non hanno battuto ciglio sulla questione Olbia:

“Siccome vedo molti artisti compatti con questa scelta lungimirante di protesta, replicate le gesta del vostro beniamino”.

Inevitabili i riferimenti alla politica:

“Organizzate un concerto in piazza, chiamate un vostro amico assessore di Forza Italia e fatevi fotografare con gli hashtag #forzaitalia e campagna elettorale 2021 e avete il vostro protesta starter pack pronto per voi. Mi raccomando ragazzi, la rivoluzione comincia da oggi”.

Insomma, il botta e risposta non sembra essere vicino a una conclusione.

2021-08-18T10:20:18+02:00