fotogallery

Annabelle, la storia vera della bambola malefica

ROMA – Annabelle, horror spin off dell’inquietante The Conjuring, è già cmpione d’incassi nei cinema mondiali.
Per chi non lo sapesse, il film ha un’origine soprannaturale: la storia prende spunto da una bambola vera e dal demone che presumibilmente ne prese possesso.
(LEGGI ANCHE: Halloween, i film horror consigliati per ogni categoria)
Ovviamente, gli eventi paranormali descritti nel film sono stati esagerati per renderlo il più spaventoso possibile.
Così come il look della bambola è stato anche cambiato, ma si potrebbe sostenere che la vera Annabelle sia molto più terrificante.
Di seguito i fatti descrittii dagli investigatori del paranormale, Ed and Lorrain Warren, che si occuparono dell’esorcizzazione della bambola.
(LEGGI ANCHE: Non solo Annabelle: ecco 7 film horror tratti da storie vere)

1. La bambola è vera
annabelle-bambola-horror-storia-vera
Annabelle esiste realmente.
Attualmente risiede al museo dell’occulto dei Warren a Monroe, Connecticut, dove la bambola è racchiusa in una teca, con tanto di Croce Santa e un cartello che dice: “Attenzione: Non toccare”.
Quello descritto nel film horror è un giocattolo orribile con la pelle color zombie e un sorriso contorto.
La versione originale era un pupazzo di pezza, non di ceramica, facente parte della collezione Raggedy Ann, e per non avere eventuali problemi con i produttori della bambola, è stato scelto di cambiarne l’aspetto.

2. Era un regalo di compleanno
annabelle-bambola-horror-storia-vera
A differenza del film, che ritrae un marito e una moglie propiretari di Annabelle, la bambola originale apparteneva ad una studentessa di infermieristica di nome Donna.
Annabelle le fu regalata dalla madre nel 1970 per i suoi 28 anni, e fu acquistata in un negozio di bambole usate Raggedy Ann.
Dopo alcuni giorni, fu la compagna di stanza di Donna, Angie, a notare per prima che la bambola era “strana”.

3. Poteva muoversi da sola…
annabelle-bambola-horror-storia-vera
Poco dopo che la bambola entrò nelle loro vite, Donna e Angie notarono che cambiava posizione durante il giorno, ad esempio incrociava le braccia e le gambe.
Nel corso del tempo, le due donne sostengono abbia iniziato a muoversi in diverse posizioni nella loro casa.
“Più volte Donna, ponendo la bambola sul divano prima di andare al lavoro, tornava a casa per trovarla nella sua stanza sul letto con la porta chiusa”, hanno raccontato i Warren.

4. …. e scrivere

Pur non avendo alcuna carta pergamena nella loro casa, le ragazze avrebbero trovato appunti a matita scritti da Annabelle nel loro appartamento.
I Warrens sostengono che la bambola avesse scritto “Help Us” con la scrittura a mano di un bambino piccolo.

5. Lo spirito di Annabelle Higgins

Dopo mesi di convivenza con la bambola, e credendo gli incidenti potessero essere riulati di intrusioni, Donna tornò a casa una sera per scoprire che Annabelle aveva sangue su mani e torace. Spaventate, le ragazze contattatarono un medium per aiutarle a risolvere il mistero.
Durante una seduta spiritica si scoprì che la bambola era posseduta dallo spirito di Annabelle Higgins, una bambina di 7 anni morta nella casa.
Donna e Angie hanno diedero il permesso ad Annabelle di rimanere nella bambola dopo che lo spirito dichiarò di sentirsi sereno accanto alle ragazze.

6. Attacco

Un amico di Donna e Angie, Lou, è stato attaccato da Annabelle in diverse occasioni.
Dopo aver espresso il suo disgusto per la bambola “malefica”, si svegliò una notte trovando la bambola che tentava di strangolarlo.
Lou, in un primo momento credeva si trattasse di un brutto sogno.
Il giorno successivo, entrò nell’appartamento quando sentì strani rumori provenienti dalla stanza di Donna.
Mentre ne cercava la fonte, sentì una presenza dietro di lui e fu aggredito e lasciato con “7 distinti segni di artigli” sul petto.
I graffi guarirono quasi immediatamente.
Le ferite di Lou resero consapevole Donna della natura malvagia della bambola.
Dopo aver contattato un sacerdote, la ragazza parlò con i Warren.

7. I Warren
annabelle-bambola-horror-storia-vera
I Warren, noti per aver esorcizzato la famsa casa di Amityville ( da cui fu tratta la trama dell’omonimo film), sono stati coinvolti anche nel caso Annabelle.
La coppia scoprirono che la bambola non era posseduta, ma manipolata da uno spirito maligno che creava l’illusione che la bambola fosse viva.
Secondo i Warren, questo spirito fingeva soltanto di essere una bambina, al fine di possedere un corpo umano.
I Warren esorcizzarono l’appartamento e presero la bambola con loro.

8. Lo spirito vive ancora
annabelle-bambola-horror-storia-vera
I Warren sostengono che la bambola abbia continuato a mostrare un comportamento “strano”.
Quando la portarono nella loro casa in Connecticut, è stata vista levitare e riapparire in diverse aree della loro dimora.

9. Incidenti legati ad Annabelle

Secondo i Warren, lo spirito ha tormentato molti individui che hanno avuto la sfortuna di avere a che fare con la bambola.
Un sacerdote che ha visitato la casa dei Warren e insultato Annabelle, dicendole “non può far male a nessuno,” è stato coinvolto in un incidente d’auto quasi fatale dopo la visita.
Una coppia, come riferito, si è schiantata in moto dopo aver preso in giro le abilità della bambola.
L’uomo è morto subito dopo, la sua ragazza è sopravvissuta, ma è stato ricoverata in ospedale per un anno dopo l’incidente.