‘I Promessi Sposi’ dell’I.C. Nistri di Roma, il teatro che insegna ad esprimersi

Un laboratorio dove si impara ad esprimersi, a superare difficoltà e disagi. Questa l’esperienza dei giovanissimi attori dell’istituto comprensivo ‘Nistri’ di Roma

Roma – Un laboratorio dove si impara ad esprimersi, a superare difficoltà e disagi. Questa l’esperienza dei giovanissimi attori dell’istituto comprensivo ‘Nistri’ di Roma che hanno messo in scena al Teatro del Torrino, lo scorso 1 giugno, il classico dei classici, ‘I Promessi Sposi’ di Manzoni. “Come primo anno abbiamo proposto una parodia de ‘I Promessi Sposi’, un testo conosciutissimo, di facile comprensione per chi lo fa e per chi lo vede- spiega a diregiovani.it l’insegnante di teatro Beppe Farina-. Questo gruppo di ragazzi ha molto bisogno di teatro, perché in molti presentano disagi, difficoltà, l’impossibilità di esprimersi al meglio. Con questo laboratorio credo ci siano riusciti ed è questo lo scopo principale del nostro lavoro”.

Un obiettivo centrato anche per la psicoterapeuta e coordinatrice degli sportelli di ascolto nelle scuole dell’Istituto di Ortofonologia di Roma Flavia Ferrazzoli: “Siamo nelle scuole da molti anni con sportelli di ascolto rivolti a bambini, genitori, ragazzi e docenti- racconta a diregiovani.it-. Oltre a queste attività che servono a sostenere il percorso dei ragazzi nella crescita, offriamo anche la possibilità di partecipare ai laboratori teatrali, che hanno una serie di sfaccettature utili, come l’esercizio della memoria e la comprensione del testo, ma aiutano anche a livello relazionale, di autostima, di crescita personale e totale”. Un’attività che è stato accolto con entusiasmo anche dai bambini del ‘Nistri’ che, ai microfoni di diregiovani.it, sussurrano prima dello spettacolo: “Siamo felici di aver fatto teatro”.