La Consulta studentesca di Cosenza si confronta con l’Amministrazione provinciale

COSENZA – Si è svolto, presso l’Istituto Alberghiero “Pasquale Mancini” di Cosenza, un proficuo incontro di lavoro tra la Consulta Provinciale Studentesca ed il Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci.

“Più che di un incontro direi che si è trattato di un vero e proprio laboratorio di cittadinanza”, dichiara la Responsabile del Coordinamento regionale delle Consulte, Franca Falduto “poiché, gli studenti, puntualmente documentati sullo status quo delle Istituzioni scolastiche di appartenenza, supportati da video e report tecnici, hanno rappresentato le loro istanze illustrate da documentazione fotografica relativa a criticità emerse nonché progressi anche solo parziali, ma, comunque apprezzati: è incoraggiante vedere concretizzarsi sempre di più nel modus operandi della Consulta studentesca, la realizzazione di una scuola da intendersi quale comunità educante”.

Con dovizia di particolari il Presidente ed il Dirigente Ing. Claudio Carravetta, si sono dimostrati disponibili al dialogo costruttivo e alla necessità di approfondire le proposte fornendo anche spiegazioni su alcune fondamentali questioni tecniche e sullo stato dell’arte reale deigli interventi illustrandoli nei minimi dettagli.

Gli studenti hanno molto apprezzato l’efficacia dell’intervento istituzionale giungendo alla conclusione che, come hanno dichiarato il presidente della Consulta, Luca Fabiano, li Vice Giuliano Belcastro ed i componenti della Commissione specifica: “ …è molto più gratificante e costruttivo trattare al tavolo istituzionale del quale siamo legittima parte attiva piuttosto che attraverso cortei e manifestazioni dei quali ancora non si è visto l’esito”.

E, a questo proposito, il Presidente Iacucci, ha proposto l’istituzione di un tavolo permanente con gli Studenti che, insieme, ai Docenti, vivono la scuola quotidianamente e, quindi, meglio di chiunque possono esprimersi. Incisivo anche il contributo della Dirigente Graziella Cammalleri che collabora costantemente con la Consulta fornendo utili elementi di riflessione e soluzioni alle più diversificate questioni.

L’intera assemblea, composta dal Rappresentanti di tutte le Istituzioni scolastiche di secondo grado, a conclusione della faticosa, ma proficua seduta, dichiara: “Abbiamo considerato, sin dall’insediamento, le questioni dell’edilizia scolastica e la collaborazione sinergica con le istituzioni del territorio come una priorità imprescindibile nell’operato della Consulta e, quindi intendiamo proseguire nei prossimi mesi questa fase di confronto ampliandolo con tutti i protagonisti che vivono il mondo della scuola.

La risoluzione delle problematiche che caratterizzano il nostro territorio passa inevitabilmente per questa strada, che ci impegnerà nel miglioramento di un qualcosa che dobbiamo sentire intimamente nostra: la scuola, in tutti i suoi aspetti e in tutte le sue complessità.”