#Maturità2018. Al Buonarroti di Genova l'ansia si combatte insieme

#Maturità2018. Al Buonarroti di Genova l’ansia si combatte insieme

ROMA – “Pensavo peggio, tutto sommato riesco a gestire l’ansia”. Giorgia La Fauci, dell’Istituto turistico Firpo-Buonarroti di Genova, non teme la prima prova dell’esame di maturita’, il tema di italiano con il quale domani dovranno cimentarsi gli studenti di tutta Italia.

“Sono sempre andata bene nei temi, quindi non ho paura della prima prova– commenta la studentessa- anche perche’ la professoressa di italiano e’ interna e con lei abbiamo lavorato a lungo nel corso dell’anno”.

Diverso il discorso per le prove successive, per le quali e’ richiesta una preparazione piu’ approfondita. Ma Giorgia si ritiene abbastanza serena: “Se si lavora nel corso dell’anno, dice, durante il ripasso finale le cose tornano e si puo’ affrontare l’esame con piu’ tranquillita'”. Il temuto esame di maturita’, quindi, puo’ essere affrontato con facilita’ se si punta su uno studio continuo, ancor meglio se condiviso con gli altri compagni di classe.

“Abbiamo adottato un metodo di studio per ripassare insieme– racconta Giorgia- con i miei compagni ci ritroviamo spesso in biblioteca, e staremo insieme anche la notte prima degli esami”. Non ci sono dubbi, quindi, la notte piu’ lunga sara’ meno difficile se si sceglie di affrontarla insieme: “Studieremo tutta la notte, perche’ affrontare questi momenti e’ piu’ bello se lo si fa con i propri compagni”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it