Alpha: Un’amicizia forte come la vita, storia positiva che fa bene al cuore

Da oggi al cinema

ROMA – Una storia positiva che fa bene al cuore. Si tratta di Alpha: Un’amicizia forte come la vita, dal 6 dicembre al cinema con Warner Bros. Pictures. Diretta da Albert Hughes, che ha scritto la sceneggiatura con Daniele Sebastian Wiedenhaupt, la pellicola è un’emozionante racconto di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il giovane protagonista e il lupo.

Dopo una battuta di caccia finita male, il protagonista del film è Keda – interpretato da Kodi Smit-McPhee, vincitore del Critics’ Choice Award e nominato al Saturn Awards – un ragazzo delle caverne che si trova a dover affrontare solo un lungo viaggio verso casa. Un percorso pieno di ostacoli che Keda deve superare. Quando non sembrano esserci più speranze, il giovane incontra Alpha, un lupo. Tra i due inizialmente non corre buon sangue, ma più la narrazione va avanti più Alpha e Keda diventano inseparabili. 

Un film che va oltre i dialoghi

Qui siamo in un’altra dimensione, lontano dalla civilizzazione e dalla frenesia della metropoli, insomma si ritorna agli istinti primordiali: difendersi con armi fatte a mano, mangiare e bere per necessità cose che adesso ci sembrano impensabili (per esempio, idratarsi con acqua sporca e mangiare formiche o larve) e dare importanza ai rapporti umani – e non – e alla famiglia. Le azioni, le espressioni e i sospiri dei protagonisti sono la vera forza emotiva del film che si aggiunge alla potenza dell’immagine. La maestosità dei paesaggi irrompe nella scena ed è come se lo spettatore stesse sul grande schermo insieme al lupo e al ragazzo. 

Alpha: Un’amicizia forte come la vita è un film per tutti, grandi e piccoli. Un percorso ad ostacoli immerso nella natura che ricongiungerà lo spettatore con la riscoperta della semplicità delle piccole cose (come il rapporto tra un uomo e un animale).

Commenta il film con l’hashtag

#AlphaILFILM

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it