Cantare l'inclusione con il rapper Kiave

Cantare l’inclusione con il rapper Kiave

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Grazie a Kiave che mi ha dato un’arte, per iniziare a giocare le mie carte”. Recita un verso della canzone rap incisa da una ragazza ospite della Repubblica dei Ragazzi di Civitavecchia, la casa famiglia che assiste giovani bisognosi attraverso il metodo educativo dell’autogoverno.

“Vengo da un piccolo quartiere dell’Egitto, se piove mi bagno, il barcone non ha soffitto”, canta invece Fadel. Sono i giovani autori del progetto ‘Voci spiegate’, ideato dal rapper cosentino Mirko Filice, in arte Kiave, per sviluppare il lato creativo ed espressivo dei partecipanti attraverso laboratori incentrati sul rap e la cultura Hip Hop.

Sette brani scritti e cantati dagli otto giovani ospiti della Repubblica, che grazie all’aiuto di Kiave hanno analizzato l’origine del genere e i fondamenti tecnici della composizione dei testi. Quindici gli incontri realizzati a partire da questa estate, terminati con la registrazione dei brani da loro scritti e cantati sulle basi realizzate da Alessio Villotti (Blu Magic Beat).

Il progetto ‘Voci spiegate’, realizzato in collaborazione con Street Arts Academy e finanziato dalla Fondazione Angelo e Mafalda Molinari Onlus, ha dato ai ragazzi la possibilità di raccontare le loro emozioni e rafforzare il rapporto con gli educatori presenti nelle case famiglia. Una doppia sfida per i ragazzi stranieri che non conoscono bene la lingua italiana, superata a pieni voti: i giovani hanno migliorato la scrittura e la dizione e imparato nuove parole.

Dal progetto è nato un cd, distribuito con una piccola donazione a sostegno dell’iniziativa, che vedrà ancora coinvolti i ragazzi il 31 marzo con il ‘villaggio del suono’: dalle 18 in poi un piccolo live animerà la Strada delle Boccelle a Civitavecchia, dove i ragazzi accompagnati da Kiave eseguiranno i brani da loro composti durante il laboratorio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it