Da cartone a live action: 5 curiosità su Dumbo, il classico Disney del 1941

Da cartone a live action: 5 curiosità su Dumbo, il classico Disney del 1941

In occasione dell'uscita in sala del live action, 5 sfiziose curiosità sul Dumbo originale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ottant’anni dopo il debutto sul grande schermo, Dumbo torna in versione live action per Disney.
L’elefantino più popolare del cinema rivive con la regia di Tim Burton, che propone una sua visione, più moderna e riflessiva, del classico del 1941.
In occasione dell’uscita nelle sale, vi proponiamo 5 sfiziose curiosità sul Dumbo originale.

1. Da libro a film
Il lungometraggio della Disney è ispirato all’omonimo Roll-A-Book per bambini scritto nel 1938 da Helen Aberson e illustrato Harold Pearl.

Un Roll-A-Book era una scatolina al cui interno era inserito un piccolo rotolo di illustrazioni. Il lettore doveva girare una ruota per scorrere le immagini. Sembra che nessuna copia del libro Dumbo originale sia sopravvissuta.

2. Disney torna a volare con Dumbo
Dumbo è stato il quarto film animato della Disney, ma il primo ad essere ambientato in America. Prima della storia dell’elefantino erano stati portati sul grande schermo Biancaneve e i sette nani (1937), Pinocchio (1940) e Fantasia (1940).

E’ spesso ricordato come il film che salvò la Disney. Nonostante il difficile periodo storico e il basso budget predisposto per la sua realizzazione, il film ottenne un notevole successo, sia in America che oltreoceano, risollevando le sorti degli Studios.

3. Dumbo razzista
Dumbo è stato accusato di razzismo. In particolare, a destare polemica è stata la caratterizzazione dei corvi, rappresentati con stereotipi della cultura afro-americana. Il corvo principale è persino chiamato Jim Crow, un’allusione alle leggi razziali in vigore tra il 1876 e il 1965.

Nel mirino, anche la scena con la canzone “Song of the Roustabouts”, criticata in quanto raffigura personaggi neri senza volto che cantano testi sulla schiavitù.

4. Il mammifero dell’anno
Dumbo poteva esser il mammifero dell’anno sulla copertina del Time del 29 dicembre del 1941. La prestigiosa rivista aveva preparato anche l’impaginazione, ma il tragico attacco di Pearl Harbour del 7 dicembre 1941, fece cambiare i programmi.

Quell’edizione ritrasse il generale statunitense Douglas MacArthur in copertina, ma Dumbo mantenne lo stesso lo status di “mammifero dell’anno”, con un ampio spazio all’interno della sezione “Cinema”.

5. Dumbo 2
Come la maggior parte dei film della Disney, anche per Dumbo era in sviluppo un sequel.

La storia avrebbe avuto luogo poco dopo il primo film. Tra le altre cose, il sequel avrebbe spiegato alcuni dettagli sul padre di Dumbo, Mr. Jumbo.

 

Un trailer del dietro le quinte del sequel è stato rilasciato con la versione DVD del 2001 in coincidenza con il 60° anniversario del film.
Tuttavia, il progetto è stato abbandonato quando John Lasseter ha assunto il controllo della compagnia.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it