L'ic Stanziale in scena per parlare di inclusione

L’ic Stanziale in scena per parlare di inclusione

Lo spettacolo dedicato all'autismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

San Giorgio a Cremano  – “L’autismo è un problema che riguarda la comunicazione, oggi facciamo esprimere liberamente i nostri ragazzi”. Sono le parole di Annamaria D’Alessandro, vicepreside dell’istituto comprensivo ‘Stanziale’ di San Giorgio a Cremano in provincia di Napoli.

Dal palco di Villa Bruno, nel cuore della cittadina vesuviana, gli studenti – alla presenza delle loro maestre, dei genitori e del sindaco della città, Giorgio Zinno – hanno messo in scena uno spettacolo che, attraverso la musica e la lettura di poesie, ha voluto mettere in luce la necessità di aprire un dibattito sull’autismo che parta proprio dall’istituzione scuola che, secondo gli organizzatori, più di tutti se ne occupa.

I bambini, guidati dal maestro Cristian Faro, hanno rivisitato successi musicali, moderni e non, per trasmettere un messaggio di inclusività e affetto. Una pratica positiva che ha consentito a tutti gli alunni di vivere giorno per giorno con i loro compagni affetti da autismo, dalle prove alla manifestazione finale. “Sogno un mondo in cui a tutti viene data un’opportunità. Eventi come questo ci avvicinano a questa realtà”, ha sottolineato il maestro Faro.

Spazio anche per le testimonianze di mamme e maestre che hanno voluto condividere con la platea la loro quotidianità, fatta di impegno ma anche di soddisfazioni: “Può sembrare difficile e complicato avere figli affetti da questa sindrome- ha detto Margareth, madre di due bambini con autismo- Tuttavia se si entra nelle mentalità che questi bambini hanno solo un modo diverso di esprimersi e li si lascia fare, il risultato è strabiliante”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it