Studenti di Bologna e Palermo insieme per ricordare la strage di Ustica

Studenti di Bologna e Palermo insieme per ricordare la strage di Ustica

Progetto interdisciplinare con tanti partner e il liceo Copernico capofila
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Un requiem in onore delle vittime della strage di Ustica è quello che realizzeranno gli studenti del liceo ‘Copernico’ di Bologna, capofila del progetto intitolato ‘DC VERO? Un poetico atto unico per 40 ragazzi e 10 restauratori novelli’. Voleranno a Palermo per mettere in scena uno spettacolo-performance preparato nell’arco di mesi. Un progetto nato in vista della celebrazione della strage aerea del 1980 e che coinvolge il liceo scientifico ‘Copernico’ e il musicale ‘Lucio Dalla’ di Bologna, il liceo scientifico ‘Galilei’ di Palermo’, le accademie di Belle Arti di Bologna e di Palermo.

Per tutte le settimane che li separano dalla ricorrenza, i 50 studenti che partecipano al progetto, bolognesi e palermitani, lavoreranno separatamente. Proveranno il copione e si scambieranno opinioni, impressioni, consigli e revisioni a distanza per giungere a una versione comune della performance, collaborando sotto la supervisione di Bruno Cappagli (La Baracca – Testoni Ragazzi) a Bologna e di Salvo Dolce (Teatro Libero) a Palermo.

La parte finale del percorso teatrale prevede l’unione dei due gruppi che, insieme agli studenti delle accademie d’arte presenteranno due performance teatrali, una a Bologna al Parco della Zucca il 27 giugno, giorno dell’anniversario della tragedia e una il giorno successivo, a Palermo. Nel frattempo gli studenti del triennio del liceo musicale ‘Lucio Dalla’ di Bologna parteciperanno sotto la direzione di Linda Tesauro, ad un laboratorio musicale proposto dal Museo della Musica di Bologna creando una tessitura sonora adiacente alla narrazione teatrale.

Gli studenti delle accademie di belle arti delle due città coinvolte contribuiranno all’allestimento finale delle performance, partecipando ai laboratori teatrali e condividendo con gli altri partecipanti l’esperienza di restauro realizzata all’interno del museo per la Memoria di Ustica. Il percorso nel suo complesso prevede inoltre anche lezioni frontali di storia a cura dei docenti e degli esperti dell’istituto Parri per la Storia e le Memorie del ‘900; incontri con i rappresentanti dell’associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica; visite guidate al museo per la Memoria di Ustica; incontri con i rappresentanti di Libera; un DVD con le riprese degli eventi; la documentazione cartacea realizzata durante le attività e una campagna promozionale in radio.

Il progetto è dunque un cantiere di cooperazione e contaminazione di saperi e pratiche. E per rinforzare ancora di più questo aspetto tra gli studenti del ‘Copernico’ e del ‘Galilei’ avverrà un vero e proprio scambio: nei cinque giorni precedenti al debutto infatti gli studenti bolognesi ospiteranno personalmente i loro partner siciliani, che ricambieranno il ‘favore’ il giorno successivo, una volta arrivati tutti a Palermo.

Le attività sono state ideate e realizzate grazie all’associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e tra i partner della rete vi sono anche l’istituto Storico della Resistenza Parri, Museo e Biblioteca Internazionale della Musica, Dipartimento educativo MaMbo – museo d’Arte Moderna di Bologna, l’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna, il quartiere Navile, il comune di Bologna e il comune di Palermo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it