Anniversario strage Capaci, il 'Keynes' di Gazzada a Palermo con gioco 'Omnia connected'

Anniversario strage Capaci, il ‘Keynes’ di Gazzada a Palermo con gioco ‘Omnia connected’

L'istituto lombardo finalista del concorso della Fondazione Falcone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Giacomo Zagari da San Ferdinando in provincia di Reggio Calabria è stato uno dei primi ‘ndranghetisti a trasferirsi nel nord Italia, nei primissimi anni ’50. Precisamente a Buguggiate, nel varesotto. Lo sa bene Caterina De Sario, che vive a Gazzada Schianno, cinque minuti di auto da Buguggiate, e di mestiere fa l’insegnante.

Caterina De Sario lavora all’istituto superiore ‘Keynes’ di Gazzada e da molti anni spiega la mafia ai suoi alunni. Non fa solo i progetti perché il suo progetto è più grande: far comprendere ai ragazzi la storicità, le caratteristiche e le modalità di radicamento ed espansione al nord di questo fenomeno secolare. Ed è proprio grazie a questo approccio, capace di coniugare coinvolgimento e approfondimento, che gli studenti si appassionano allo studio di questi temi tanto da elaborare persino un gioco da tavolo.

Lo hanno pensato quest’anno alcuni studenti per partecipare al concorso indetto dalla fondazione Falcone ‘Follow the money. Da Giovanni Falcone alla Convenzione ONU di Palermo contro la criminalità organizzata transnazionale’. Si chiama ‘Omnia connected’ il gioco col quale i giovani ideatori, insieme alla loro docente, parteciperanno alla finale di premiazione che si terrà il prossimo 23 maggio 2019 a Palermo, nell’ambito delle celebrazioni per il 27esimo anniversario delle stragi di Capaci e via d’Amelio, in cui vennero uccisi rispettivamente il 23 maggio Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Dicillo e il 19 luglio Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Claudio Traina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina.

“Il nome del gioco- spiegano gli inventori- significa ‘tutto connesso’. Il termine latino ‘omnia’ fa riferimento all’omonima operazione del 2007 che vide arresti e sequestri per attività illecite tra cui commercio di sostanze stupefacenti, traffico d’armi e di esseri umani. La presenza di latino e inglese- precisano- ha il significato di unire simbolicamente gli stati sotto lo stesso concetto”.

L’obiettivo di questo gioco, in cui si confrontano sullo scacchiere mondiale i pool antimafia da una parte e le organizzazioni mafiose dall’altra, è quindi “far comprendere ai giocatori la convenzione di Palermo- concludono- avvicinando al tema della criminalità organizzata persone che non se ne sono mai interessate”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it