Keanu Reeves corre come Naruto e assalta l'Area 51 nel video di Lil Nas X

Keanu Reeves corre come Naruto e assalta l’Area 51 nel video di Lil Nas X

Anche le star si divertono con lo scherzo dell'anno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

È sfuggito davvero di mano il piano goliardico per assaltare in massa l’Area 51. Nato come gioco su Facebook, l’evento ha fatto il giro del mondo e, ad oggi, sono oltre 1 milione e mezzo le persone che hanno aderito all’iniziativa fake.
Tra queste, anche qualche celebrità.

È il caso del rapper Lil Nas X, che ha creato un video speciale per “Old Town Road”, la hit mondiale featuring Billy Ray Cyrus, Young Thug e Mason Ramsey.

Nella clip animata i quattro protagonisti guidano l’assalto l’Area 51, accompagnati da una star d’eccezione: l’attore Keanu Reeves corre come Naruto e partecipa all’attacco.

Sebbene si tratti di un gioco, l’assalto all’Area 51 potrebbe trovare terreno fertile. La preoccupazione è che il 20 settembre qualcuno possa davvero radunarsi davanti alla base militare e tentare di irrompervi.

La US Air Force ha già espresso una avvertimento, ricordando alle persone interessate che “qualsiasi tentativo di accedere illegalmente all’area è altamente sconsigliato”.
Essendo l’Area 51 in realtà una base militare, la risposta ad un attacco sarebbero le armi.

L’Area 51

La CIA ha ammesso ufficialmente l’esistenza dell’Area 51 solo nel 2013. Proprio per la sua estrema segretezza, la base di oltre 26.000 chilometri quadrati ha affascinato per lungo tempo gli appassionati di UFO, che credono sia il luogo dove è stata trasportata l’ipotetica astronave aliena atterrata a Roswell, New Mexico, nel 1947.

Fortificata con recinzioni, radar, camion delle pattuglie e uomini armati, l’Area 51 è stata riconosciuta dal governo americano come sito di test nucleari.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it