Attaccare l'Area 51? L'avvertimento della US Air Force

Attaccare l’Area 51? L’avvertimento della US Air Force

L'aeronautica militare degli Stati Uniti è pronta a tutto per difendere i suoi territori...
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sono salite a quota 1 milione le persone interessate ad assaltare l’Area 51. L’evento, nato per gioco su Facebook con la pagina “Storm Area 51, They Can’t Stop All of Us”, ha riscosso un sorprendente successo sul web, dove negli ultimi giorni non si è parlato di altro.

Il goliardico piano è quello di radunarsi nei pressi della base del Nevada il 20 settembre e compiere un assalto di massa all’interno della zona militare top secret, correndo in stile Naruto (personaggio ninja protagonista del manga omonimo).
Il motto è “Non riusciranno a fermarci tutti”.
Ma la US Air Force non la pensa così.

Interrogata dal Washington Post sull’ipotetico assalto, la portavoce Laura McAndrews ha ammesso che i funzionari dell’aeronautica militare degli Stati Uniti sono a conoscenza dell’evento. Alla domanda su come le autorità avrebbero risposto agli eventuali assaltatori dell’Area 51, ha affermato di non poter elaborare piani specifici o procedure di sicurezza.

Tuttavia, ha lanciato un avvertimento:

“[Area 51] è un campo di allenamento aperto per la U.S. Air Force e scoraggeremo chiunque provi a entrare dove addestriamo le forze armate americane. L’U.S. Air Force è sempre pronta a proteggere l’America e le sue risorse”.

L’Area 51

La CIA ha ammesso ufficialmente l’esistenza dell’Area 51 solo nel 2013. Proprio per la sua estrema segretezza, la base di oltre 26.000 chilometri quadrati ha affascinato per lungo tempo gli appassionati di UFO, che credono sia il luogo dove è stata trasportata l’ipotetica astronave aliena atterrata a Roswell, New Mexico, nel 1947.

Fortificata con recinzioni, radar, camion delle pattuglie e uomini armati, l’Area 51 è stata riconosciuta dal governo americano come sito di test nucleari.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it