A Ventotene il primo hackathon sulla blue economy

A Ventotene il primo hackathon sulla blue economy

Intervista agli studenti dell'istituto Einaudi di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una sfida a gruppi, fra studenti provenienti da tutta Italia, per elaborare idee innovative su una delle risorse fondamentali del nostro Paese: il mare. Dal 3 al 6 ottobre, sull’isola di Ventotene sbarcheranno ragazzi e ragazze pronti a sfidarsi nell”Hacking for Blue Economy’, il primo hackathon internazionale, tutto in lingua inglese, nato con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità nascoste del mar Mediterraneo e delle coste europee.

Promosso dall’istituto ‘Luigi Einaudi’ di Roma, l’hackathon coinvolgerà 60 studenti provenienti da dieci scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio nazionale. Abbiamo chiesto ad alcuni degli studenti e studentesse dell’istituto ‘Einaudi’ che parteciperanno a questa iniziativa di raccontarci cosa si aspettano da questa esperienza e perché, secondo loro, la blue economy è oggi un campo di ricerca così importante.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it