Napoli, all'ic Stanziale la merenda con pane e olio

Napoli, all’ic Stanziale la merenda con pane e olio

L'iniziativa ha coinvolto i nonni degli alunni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Crediamo che sia importante condividere un legame profondo con le proprie tradizioni. La merenda è un momento importante nella scuola primaria e dell’infanzia, recuperare un prodotto che in qualche modo è anche segno di riconoscimento delle nostre tradizioni come pane e olio ci sembra un giusto modo per gettare un ponte tra generazioni”. Così Patrizia Ferrione, dirigente dell’istituto ‘Stanziale’ di San Giorgio a Cremano (Napoli) spiega l’evento ‘La festa dei nonni’ che si tenuta nella scuola.

Per i bambini della scuola dell’infanzia e della prima elementare è stata una giornata molto speciale: i nonni e le nonne sono entrati nella loro scuola per condividere il momento della merenda portando con sé lo stesso alimento che, quando anche loro muovevano i primi passi nella scuola, gustavano nell’ora di ricreazione: pane e olio. Questo alimento semplicissimo è stato infatti per anni protagonista in tutte le scuole e, nella riscoperta dei valori del passato, si affaccia sempre più come alternativa salutare agli altri prodotti che i genitori scelgono per la merenda dei loro figli. L’istituto ‘Stanziale’ infatti non è il primo dove è stato fatto un esperimento del genere; anche all’istituto comprensivo ‘Leonardo Da Vinci’ di Omignano nel Cilento, sempre in Campania, si è deciso di offrire il piatto ‘povero’ a merenda.

Non è solo questione di salute però come spiega Annamaria d’Alessandro, vicepreside dello ‘Stanziale’: “abbiamo deciso di invitare i nonni perché siamo convinti che iniziative del genere possano contribuire a rendere il legame tra la nostra scuola e il territorio ancora più forte. Riconosciamo poi il significato del rapporto tra nonni e nipoti. Quale momento migliore per condividerlo se non a merenda?”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it