Quarto figlio per Ricky Martin e suo marito Jwan Yosef

Quarto figlio per Ricky Martin e suo marito Jwan Yosef

Il cantante ha scelto di annunciare la lieta notizia con una foto pubblicata su Instagram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ricky Martin e suo marito Jwan Yosef, hanno deciso di utilizzare Instagram per informare i propri fan della nascita del loro quarto bambino.

La tenera foto, pubblicata nel cuore della notte sulla famosa piattaforma social, è tutta incentrata sul nuovo arrivato. Martin e Jwan infatti, sono ripresi solo dalla bocca in giù.

È proprio la didascalia alla foto inoltre, a rivelare il nome del bambino: “È nato nostro figlio, Renn Martin – Yosef”.

Dopo una frequentazione iniziata nel 2016, il cantante e attore e Jwan sono convolati a nozze in gran segreto nel Gennaio del 2018. Ricky, già padre di due gemelli di 11 anni, Valentino e Matteo, avuti da solo quando era ancora single, aveva accolto da soli 10 mesi un’altra bambina, di nome Lucia.

Anche in quel caso, il cantante di ‘Vivin’ la vida loca’, aveva deciso di condividere la lieta notizia con i suoi fan attraverso una foto pubblicata su Instagram. “Siamo più che felici di annunciare che siamo diventati genitori di una bellissima bambina, Lucia Martin – Yosef” aveva scritto l’artista la notte di Capodanno.

Era stato lo stesso Ricky, ad annunciare lo scorso settembre l’arrivo del suo quarto figlio durante un discorso tenuto in occasione della Human Rights Campaign National Dinner a Washington, quando aveva ritirato un premio per il suo impegno a favore dei diritti LGBTQ. “Amo con tutto il mio cuore la mia famiglia, i miei figli e mio marito Jwan. Ho però un annuncio da fare, siamo in attesa” aveva affermato l’artista quarantasettenne. “Adoro le famiglie numerose”,  aveva poi aggiunto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it