Milano, a Bookcity crescono giovani giornalisti

Milano, a Bookcity crescono giovani giornalisti

Con il progetto 'Giornale dei ragazzi' studenti raccontano manifestazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Gli studenti e le studentesse si sentono protagonisti di questa edizione di Bookcity, la manifestazione del libro in corso a Milano. Seguono eventi, fanno interviste, curano i social. È il progetto ‘Il giornale dei ragazzi’ ideato sei anni fa da Isabella Di Nolfo a cui quest’anno hanno aderito il liceo ‘Montini’ di Milano e il liceo ‘Casiraghi’ di Cinisello.

Una opportunità che “li fa sentire vivi ed entrare in una nuova relazione con la città” hanno commentato i docenti Cristina Traverso e Fabrizio Fassini. Nella loro redazione allestita nelle sale de Castello Sforzesco i giovani reporter da oggi a domenica si trovano quindi per rielaborare gli appunti presi durante le conferenze.

“Possiamo scegliere noi gli argomenti in base ai nostri interessi e li seguiamo dividendoci in piccoli gruppi” ha raccontato una ragazza. “È veramente strano mettersi nei panni del giornalista. All’inizio è assurdo superare la vergogna ma poi è davvero stimolante”, ha confessato un’altra.

“Dopo Bookcity i voti dei miei studenti si alzano di almeno un punto. Vuol dire che questa esperienza dá loro nuove spinte anche per l’attività in classe” ha aggiunto la docente del ‘Casiraghi’ Cristina Traverso che segue il progetto dall’inizio. “Quando tornano da un evento hanno gli occhi che brillano” ha detto con orgoglio il collega del ‘Montini’ Fassini. “Questo dimostra- hanno concluso gli insegnanti- che la cultura è qualcosa da vivere e condividere”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it