RECENSIONE| L'Immortale: Marco D'Amore torna Ciro Di Marzio e svela Gomorra 5

RECENSIONE|L’Immortale: Marco D’Amore torna Ciro Di Marzio e svela Gomorra 5

Dal 5 dicembre al cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo aver lasciato un grande vuoto nella quarta stagione di Gomorra – La serie con la sua morte, Ciro Di Marzio torna a vivere nel film L’Immortale, presentato questa mattina a Palazzo Naiadi a Roma. La pellicola, che prende il titolo dal soprannome del camorrista della serie, è diretta e interpretata da Marco D’Amore che ha scritto la sceneggiatura insieme a Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Francesco Ghiaccio e Giulia Forgione.

Se nella serie Gomorra abbiamo visto il protagonista nel pieno della sua attività criminale con la famiglia Savastano, nel nuovo film, invece, scopriamo il passato di Ciro Di Marzio: ciò che l’ha reso immortale – l’essere sopravvissuto al terremoto dell’Irpinia che l’ha privato di casa e genitori – l’infanzia del personaggio e le attività illecite.

Qui raccontiamo una storia piena di conflitti, miserie e paure“, ha raccontato D’Amore durante la conferenza.Un giorno ho incontrato un grande criminale -ha spiegato- lui mi ha detto che chi osserva i malavitosi pensa che loro non abbiano paura e invece loro hanno paura tutti i giorni di essere scoperti, di non essere all’altezza, di essere ammazzati. La paura e’ una caratteristica che hanno tutti i personaggi di questo film. Per diventare immortali bisogna superare anche la logica e noi abbiamo fatto proprio questo“.

Ma L’Immortale, dal 5 dicembre al cinema con Vision Distribution, non è solo questo. Molte scene del film, tra sorprese, azione, traffici di droga e incontri inaspettati, sono state costruite per fare da ponte con la quinta stagione di Gomorra – La serie, che attualmente è in fase di scrittura e le cui riprese inizieranno tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. 

L’Immortale: ogni dettaglio del film è spoiler!

È difficile raccontare questa storia: Marco D’Amore e l’intero team creativo e produttivo sono riusciti a realizzare un film di cui è impossibile parlare senza fare spoiler. Ogni minimo dettaglio della narrazione svela qualcosa che non può essere raccontato. Non vogliamo rovinare la sorpresa a chi andrà al cinema a vederlo ma vi assicuriamo che alcuni momenti del film vi lasceranno a bocca aperta. Anche se nella pellicola “Ciruzzo” è tornato silente e misterioso (come nella serie) finalmente abbiamo conosciuto qualcosa in più della sua persona, del suo passato e del perché in Gomorra ha compiuto le scelte che ha fatto anziché prendere altre strade. Sorprendente e rivelatore: così si può riassumere L’Immortale.

L’idea di D’Amore è risultata convincente e ben realizzata: qui cinema e serialità si incontrano regalandoci un’esperienza sorprendente e avvincente. Un’operazione questa che è riuscita a far riacquistare a Gomorra – La serie l’appeal che aveva perso con la terza e la quarta stagione. 

Posso vedere film anche se non ho visto la serie?

La risposta è sì! Nonostante il film racconti una storia legata a Gomorra tutti coloro che non hanno seguito la serie  possono vedere e comprendere la storia. L’Immortale non è solo un ponte con la quinta stagione ma è anche una storia a sé stante. La pellicola e la serie sono come due vicini di casa: si conoscono ma ognuno vive per conto proprio. 

Nel cast del film – prodotto da Cattleya con Vision Distribution in collaborazione con Sky, Timvision e Beta Film – anche Giuseppe Aiello, Salvatore D’Onofrio, Giovanni Vastarella, Marianna Robustelli, Martina Attanasio, Gennaro Di Colandrea e Nello Mascia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it