’13 anni’, il video che racconta la quarantena degli adolescenti

Il progetto dell'associazione culturale 'Fuori contesto' e Hubstract-Made For Art

ROMA – Ballare per riscoprire la gioia del movimento, ballare per assaporare una libertà che trova spazio solo all’interno della propria stanza. È così che l’associazione culturale ‘Fuori contesto’ e Hubstract-Made For Art hanno voluto raccontare la quarantena degli adolescenti attraverso il video ’13 anni’, con testi di Emilia Martinelli e grafica di Luigi Vetrani.

“Ho 13 anni e il mio mondo si è chiuso in una stanza- dice la protagonista del video– Sogno di incrociare lo sguardo di un amico e confidare a lui i miei pensieri in movimento. Corro con gli occhi ma il corpo è fermo“. Con il video, il gruppo di teatro e danza ha voluto sottolineare i bisogni di una generazione che ha bisogno di rivivere i rapporti sociali.

“Ci siamo messi in ascolto per arrivare davvero all’essenza dei pensieri, a cogliere gli stati d’animo di chi ci sta attorno- scrive l’associazione in una nota- quello di una ragazza di 13 anni, chiusa in stanza, a guardare la primavera che esplode fuori dalla sua finestra”.

Ma il tema è anche politico, sottolinea il gruppo di artisti, che si chiede “perché non si pensa ad investire sul riaprire le scuole? perché non si immaginano modalità che consentano anche a loro di tornare a fare il lavoro più importante di tutti, imparare e costruire il futuro?”.

La produzione del video ’13 anni’ nasce per provare a raccontare il mondo interiore delle persone, come se fosse un’opera d’arte, mettendo insieme la parola, l’immagine, il movimento, la danza.

2020-04-29T12:00:31+02:00