Azzolina: "Educhiamo nuove generazioni a legalità e rispetto"

Azzolina: “Educhiamo nuove generazioni a legalità e rispetto”

Al via la settimana di celebrazioni per 'Palermo Chiama Italia'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un grazie alla professoressa Maria Falcone, sorella del magistrato eroe Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992, per lo straordinario lavoro che fa da anni come presidente della Fondazione Falcone, per ricordare le gesta di tutti coloro che hanno dato la vita al servizio dello Stato, nella lotta alle mafie. È per me un onore in qualità di ministra dell’Istruzione poter lavorare attraverso il ministero con lei e la Rai alla settimana di celebrazioni che inizia oggi, con una serie di programmi tv sulle reti pubbliche volti anche ad educare le nuove generazioni alla cultura della legalità e del rispetto delle regole”.

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina interviene così su Facebook per inaugurare la settimana dedicata al ricordo delle stragi di Capaci e Via D’Amelio, in cui persero la vita i magistrati Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle scorte. La settimana si concluderà sabato 23 maggio con flash mob e iniziative che riuniranno, anche se a distanza, giovani, cittadini e istituzioni.

“Giovanni Falcone diceva che ‘occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l’essenza della dignità umana’- ha ricordato la ministra– Una dedizione che ha dimostrato con i fatti e che deve ispirarci, nel nostro piccolo, nella vita di tutti i giorni. Abbiamo una grande responsabilità, perché la cultura ha un ruolo centrale nella lotta alla mafia. Di questo dobbiamo sempre essere consapevoli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it