Milano, le migliori esperienze messe in campo durante la pandemia per la scuola

Milano, le migliori esperienze messe in campo durante la pandemia per la scuola

A raccoglierle è 'Onde alte' società benefit di innovazione sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il mondo sta cambiando e negli ultimi mesi ci si è resi conto di quanto sia importante essere in grado di fronteggiare le emergenze, trasformando le crisi in opportunità. E tra i settori che più hanno risentito dell’emergenza sanitaria attuale vi è senza dubbio la scuola, al centro di numerose iniziative di solidarietà, volontariato, nonché di progetti innovativi di studenti e professionisti di tutto il mondo che hanno offerto il proprio contributo alla ripartenza in totale sicurezza. Proprio per evidenziare l’importanza della scuola – tema centrale per ogni società civile che si rispetti – e per omaggiare tutte le idee che hanno reso possibile una ripartenza, “Onde Alte” (https://www.ondealte.com/), società benefit di innovazione sociale con l’obiettivo di alzare il livello di consapevolezza e di azione verso le tematiche sociali della cittadinanza attiva, del valore condiviso e del bene comune – ha voluto riassumere in un unico documento alcuni tra i migliori progetti che le scuole di tutto il mondo hanno messo in campo in questo difficile momento. Tante sono le esperienze raccolte in questo dossier.

La società belga “Materialise”, ad esempio, ha progettato un elemento stampabile in 3D da applicare alla maniglia permettendo così l’apertura della porta senza l’utilizzo delle mani. È possibile scaricare i file per la stampa in modo totalmente gratuito. Un’altra iniziativa nata proprio in questo periodo per far fronte alle necessità degli studenti e delle loro famiglie che versano in particolare difficoltà è quella della “Sim sospesa”, lanciata dall’Istituto comprensivo di via Giacosa di Milano. L’istituto ha aperto una raccolta fondi e preso accordi con negozi della zona per aiutare chi non ha una connessione sufficiente per seguire la didattica a distanza. Infine, più di 40 dipendenti in cassa integrazione di Finnair – famosa compagnia aerea finlandese – hanno offerto un supporto online per i compiti a casa per aiutare gli studenti nella cosiddetta Flying Lesson Help Chat. I volontari provenivano da una varietà di contesti educativi diversi e l’aiuto per i compiti a casa poteva essere ottenuto sia dal capitano che dal personale di cabina.

La Danimarca, il primo paese europeo a riaprire le materne, asili e scuole elementari ha ovviato al problema del distanziamento sociale utilizzando spazi più ampi momentaneamente chiusi al pubblico, come parchi divertimento, zoo e musei. Anche lo studio di architettura Curl la Tourelle Head ha proposto un progetto per poter aumentare gli spazi delle scuole che consiste nell’utilizzo di tende di differenti dimensioni e forme da posizionare nelle parti esterne dell’edificio scolastico. Questo permetterebbe di poter aumentare la capacità delle aule in totale sicurezza. Tra le iniziative segnaliamo quella firmata dal collettivo Linaria: il progetto si trova a Bufalotta, nella periferia nord est di Roma, nel cortile asfaltato della scuola d’infanzia “Maria Stern Nuovo”. Si tratta di una grande carta geografica, su cui si sovrappone il gioco dell’oca lungo le principali tappe del mondo. AS.IN.O. è, invece, il progetto vincitore del concorso di idee “Scuole innovative” per la città sarda di Selargius; l’acronimo sta per “Asilo innovativo con orto”: una scuola moderna ma ispirata alle tipologie insediative dell’architettura tradizionale locale. E poi c’è Kinuu che ha sviluppato un videogioco specifico per ragazzi con disturbi di apprendimento per aiutarli a potenziare e migliorare capacità come il senso del ritmo o il bilanciamento del proprio corpo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it