Toscana, all’Elba un modello di scuola di comunità

Toscana, all’Elba un modello di scuola di comunità

Parte la formazione di Indire per i docenti delle piccole scuole dell’isola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Parte il progetto “La piccola scuola elbana come scuola della comunità educante”, l’iniziativa nata dalla collaborazione tra la Regione Toscana e Indire e approvato dalla Giunta regionale nel luglio scorso. Con l’inizio dell’anno scolastico, Indire ha avviato il percorso di formazione dei docenti e dei dirigenti insieme alla sperimentazione per rendere le scuole elbane un modello di scuola di comunità, dove l’integrazione del territorio nel curricolo della piccola scuola riveste un ruolo determinante. L’obiettivo è di sperimentare nelle scuole elbane e introdurre successivamente nel sistema di istruzione della Toscana una visione innovativa di integrazione delle tecnologie per l’attuazione di un’aula ‘estesa’, in grado di supportare docenti e dirigenti nel loro lavoro in situazioni di isolamento e con pluriclassi. 

“Questo progetto – dichiara Cristina Grieco, Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Toscana – nasce dalla collaborazione tra dirigenti scolastici, amministratori locali, Indire e Regione Toscana. È una grande occasione per sperimentare metodologie didattiche innovative sotto la regia di Indire e per affrontare così in modo strutturato i problemi annosi della scuola elbana. Sono convinta che insieme alla costruzione della nuova scuola superiore (già in graduatoria per il finanziamento) questo progetto contribuirà a cambiare davvero la scuola sull’isola. Per questo come Regione ci abbiamo investito convintamente”. 

“La proposta progettuale – dichiara Giovanni Biondi, Presidente di Indire – si fonda su una visione culturale di piccola scuola come “scuola diffusa” dove il territorio diviene partner educativo e favorisce un sistema formativo allargato che beneficia di risorse che possono essere utilizzate a favore della scuola per ridefinire un nuovo curricolo. La scuola elbana può diventare un contesto pilota per u na scuola della comunità che richiama i civic center già molto diffusi in Europa”. 

Il percorso, raggiungibile all’indirizzo web piccolescuole.indire.it/formazione/risorse/, si articola in 3 moduli specialistici e 1 modulo trasversale. I moduli specialistici sono dedicati a specifiche strategie e metodologie didattiche finalizzate a sostenere le piccole scuole dell’isola d’Elba, con particolare riferimento all’uso dell’Ambiente di Apprendimento Allargato per le pluriclassi delle piccole scuole, alle arti performative (musica e teatro) come elemento caratterizzante il civic center e al Bifocal modeling come metodologia per raccordare territorio e didattica disciplinare.

Il modulo trasversale è caratterizzato da webinar on line sui temi della scuola e del territorio, di curricolo per classi aperte e per ICT e gestione di classi in rete. Gli approcci e le strategie sono stati già più volte sperimentati in altri contesti di piccole scuole e validati anche a livello internazionale. Il progetto vede la sinergia di 3 diverse strutture di ricerca di Indire, da quella dedicata all’innovazione metodologica e organizzativa nelle scuole piccole, a quelle relative alla didattica laboratoriale e innovazione del curricolo nell’area artistico-espressiva e agli strumenti e metodi per la didattica laboratoriale. 

I moduli online prevedono attività laboratoriali a cui seguirà una fase di accompagnamento alla sperimentazione in classe. A termine del percorso formativo e della sperimentazione è in programma la realizzazione di un Quaderno delle Piccole Scuole, oltre ad alcuni video sulle pratiche relative all’attuazione dei modelli all’insegna dell’idea di community school. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it