Genova, in classe il professore insegna a usare l'app Immuni

Genova, in classe il professore insegna a usare l’app Immuni

A lanciare l'iniziativa è il professore Fabrizio Gelli dell'istituto Galieli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi lezione per imparare a usare l’app “Immuni”. A lanciare questa iniziativa all’istituto tecnico tecnologico “Galilei” di Genova è il professor Fabrizio Gelli, insegnante nel laboratorio di elettronica della scuola ligure. Il docente da diversi giorni ha scelto di lasciar perdere la sua materia e di dedicarsi ad una lezione di responsabilità collettiva.

A stupire l’insegnante sono state le reazioni dei ragazzi quando ha proposto loro di scaricare l’applicazione del Governo “Immuni”: solo il 20% sapeva di cosa si stava parlando e conosceva l’App . Gli altri non ne avevano mai sentito parlare. Tuttavia gli studenti hanno mostrato da subito interesse e curiosità per la proposta del loro insegnante.

Gelli ha chiesto ai suoi allievi di prendere il cellulare, ha aperto il suo hotspot, in modo che avessero una connessione gratuita. Il docente ha spiegato come funziona l’App che informa se si è entrati in contatto con un caso positivo di Covid. A quel punto l’hanno installata tutti insieme capendo cosa significa averla attiva sul proprio cellulare. Avendo nove classi, il professore è riuscito a coinvolgere in questa operazione di consapevolezza circa 200 ragazzi. Un successo visto che gli stessi studenti hanno ritenuto opportuno parlare di “Immuni” anche a casa, ai loro famigliari e ai loro amici.

Molti ragazzi sono riusciti a convincere mamma e papà a scaricare l’applicazione. Ma non solo. L’idea di Gelli ha colpito positivamente anche i colleghi che stanno usando le loro ore di lezione per diffondere l’App. Una bella dimostrazione di quanto la scuola può e riesce a fare per sensibilizzare una parte della popolazione a lottare contro il coronavirus con gli strumenti che abbiamo a disposizione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it