Nell’ultimo periodo sto desiderando sempre di più creare una famiglia...

Nell’ultimo periodo sto desiderando sempre di più creare una famiglia…

Ciao mi chiamo Luana e ho 32 anni. Sto insieme al mio compagno da circa tre anni ma ancora non viviamo insieme perché lui per lavoro si trova fuori Roma. Nell’ultimo periodo sto desiderando sempre di più creare una famiglia e vorrei avere un figlio. Ma non so se questo desiderio è legato
all’amore che provo per Valerio (il mio compagno) o ad una sorta di paura legata al così detto “orologio biologico”. Io e lui andiamo abbastanza d’accordo, ma è pur vero che ci vediamo poco e non abbiamo mai sperimentato una vera convivenza, se non in vacanza o adesso ad esempio
durante le festività. In questi giorni poi legati allo stare in famiglia il mio desiderio di un figlio è ancora più forte, ma quando gliene ho parlato tempo fa lui è stato evasivo e non mi è sembrato molto interessato all’argomento. Io poi non ho più riaperto il discorso, perché nemmeno io sono sicura al cento per cento della mia decisione.
Mi chiedevo se secondo voi c’è qualcosa che fa sentire davvero pronti o che comunque deve caratterizzare una coppia per far si che diventi una famiglia? E se un figlio può essere il desiderio di uno solo, legato anche alla paura del tempo che passa? Aspetto un vostro parere.

 

Luana, 32 anni


Cara Luana,
grazie per averci scritto.
Nella mail che ci hai inviato ci chiedi di aiutarti a fare chiarezza relativamente al desiderio, che in quest’ultimo periodo si è manifestato più impellente stando in famiglia, di avere un figlio e creare una famiglia.
Proviamo, come ci chiedi, a dare un parere rispetto a quanto hai scritto.
Pensiamo sia utile riflettere intanto sul fatto che decidere di avere un figlio sia una scelta che va presa tra due persone le quali hanno creato nel tempo un rapporto di stima, basato sulla conoscenza reciproca, avendo in comune idee e valori, nonché esperienze comuni, condividendo quindi anche il desiderio di avere un figlio che richiede amore, impegno e senso di  responsabilità da entrambe le parti. Ti suggeriamo di affrontare prima di tutto con il tuo ragazzo l’argomento con maggior chiarezza, mettendo in evidenza che non è solo un fantasticare sul domani ma un vero progetto futuro che vuoi  condividere. 
Probabilmente non c’è un momento perfetto dove ci si sente pienamente convinti, esente da timori e perplessità ma indubbiamente è fondamentale essere allineati su tale decisione. 
Prova a condividere i tuoi di dubbi ma anche ciò che ti porta a pensarlo possibile. Un bambino prima di venire al mondo ha bisogno di nascere nella mente dei suoi genitori. Questo è un percorso che va di pari passo con la gravidanza e non si interrompe mai (si cresce insieme ai figli) ma ha bisogno di una linea di partenza comune definita dal desiderio rispetto a tale passaggio.
Potete, inoltre,  fare un passo indietro e valutare il fatto di costruire prima una quotidianità e una maggiore stabilità del vivere in coppia, necessaria per crescere un figlio.

Ti consigliamo di prenderti del tempo necessario per maturare questa decisione, senza avere fretta di corrispondere alle pressioni sociali o biologiche che inevitabilmente una donna avverte.
Speriamo di averti fornito spunti di riflessione utili.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it