Quanto sei rock se studi la fisica? Ce lo spiega Gabriella Greison

Il suo amore per l'infinitamente piccolo fa il giro del mondo, le sue storie diventano nostre e ci insegnano la bellezza della scienza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – A definirla “Rockstar” della fisica è stato un giornalista del Corriere della Sera che, sei anni fa, ha assistito al “Monologo Quantistico” all’Auditorium Parco della Musica di Roma, mentre nella sala accanto si esibiva Patti Smith. Una definizione piaciuta agli americani che l’hanno ripresa in occasione di una performance oltreoceano dedicata a Mileva Marić. Da allora Gabriella Greison è a tutti gli effetti il volto rivoluzionario della scienza, in Italia e non solo.

GABRIELLA GREISON DALLA CARRIERA ACCADEMICA A QUELLA TEATRALE E LETTERARIA

Laureata in fisica nucleare con una avviata carriera nel mondo della ricerca a Parigi, la Greison è un ‘cervello’ tornato in Italia in nome di una vocazione: quella di raccontare appassionanti storie sull’infinitamente piccolo. Ha lasciato l’ambiente accademico per darsi al teatro e alla letteratura, ‘regalando’ a un pubblico generalista romanzi e spettacoli ispirati ai protagonisti della fisica del XX secolo. Una menzione speciale nelle sue narrazioni è per le donne che hanno rivoluzionato la scienza: un esempio indelebile per le ragazze di oggi perché, anche nei nuovi anni Venti, è sempre bene tenersi alla larga “Da chi non ti fa fiorire”.

L’INTERVISTA 

IL SUO ULTIMO ROMANZO ARRIVA A TEATRO

In un mondo prettamente maschile, la Greison ha acceso i riflettori su svolte e scoperte epocali. Otto romanzi, oltre ottocento repliche dei suoi live fino al 2020 e un nuovo progetto in partenza. Il suo ultimo romanzo, Ucciderò il gatto di Schrödinger (Mondadori), debutta a teatro – in streaming – il prossimo 24 aprile. Uno spettacolo diretto da Marco Caronna, con le musiche di Fabio Cinti, prodotto da Imarts, in cui la vedremo sul palco con la tuta di Kill Bill.
La Greison interpreterà Alice, 28enne in piena crisi esistenziale e in perenne contrasto con se stessa. 28 anni è l’età in cui solitamente si fanno delle scelte che rivoluzionano la vita, ma Alice è terrorizzata dal prendere decisioni. Fortunatamente ad aiutarla arriverà Erwin Schrödinger, il fisico austriaco premio Nobel per la Fisica nel 1933 che ha rivoluzionato il nostro futuro e il modo di vivere di ognuno di noi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it