Svolta storica al Senato: l’età di voto passa dai 25 ai 18 anni

Dalle prossime elezioni meno rappresentanti con il taglio del numero dei parlamentari ma più elettori: approvato il voto ai 18enni

Una svolta storica per il Senato della Repubblica. Dalle prossime elezioni saranno meno rappresentanti – i senatori passeranno da 315 a 200 con la riforma del taglio dei parlamentari – ma più elettori. L’aula di Palazzo Madama ha approvato infatti il ddl costituzionale per abbassare l’età di voto per il Senato da 25 a 18 anni. I si’ sono stati 178, i no 15, gli astenuti 30. Ottenuto il sì dell’Aula di Palazzo Madama con maggioranza assoluta, ma non avendo ottenuto i due terzi dei voti nell’ultimo passaggio alla Camera del 9 giugno scorso, si dovranno attendere tre mesi prima della promulgazione per lasciare spazio all’eventualità di un referendum confermativo. Il testo, molto breve, modifica l’articolo 58 della Costituzione in materia di elettorato per l’elezione del Senato della Repubblica e recita: “Al primo comma dell’articolo 58 della Costituzione, le parole: ‘dagli elettori che hanno superato il venticinquesimo anno di età’ sono soppresse”. 

Il commento di Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari Costituzionali a Montecitorio e primo firmatario della proposta di legge costituzionale per il voto ai 18enni al Senato, in un video con l’Agenzia Dire, fatto poco prima del voto a Palazzo Madama:

Oggi il Senato approva in via definitiva una riforma importante che darà la possibilità a circa 4 milioni di giovani di poter eleggere i propri senatori.  

Anche la ministra per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone ha commentato il provvedimento: 
 
La parte più viva, attiva e propositiva della cittadinanza finora aveva conosciuto il diritto di scegliere chi li potesse rappresentare solo a metà. Spesso sento esprimere dai ragazzi stessi perplessità rispetto al peso della responsabilità di esprimere il voto. Eppure è da loro che partono le più grandi rivoluzioni…basti pensare all’attenzione verso le tematiche ambientali che sono state poste all’attenzione degli adulti, con disarmante chiarezza, proprio dai movimenti dei giovani. Eleggere i propri rappresentati è una delle principali modalità per incidere sui processi decisionali e di trasformazione del proprio Paese. Dopo anni di discussione, finalmente, questa proposta è diventata realtà.

 

2021-07-09T11:31:33+02:00