mondoscuola

Con progetto Monitor440 finanziamenti trasparenti e semplificati

ROMA – Nel corso dell’anno scolastico 2016/17, il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca ha promosso il progetto ‘Monitor440’, una piattaforma web per monitorare e gestire i finanziamenti ex legge 440/97.

Un’infrastruttura nuova e interattiva, pensata per avvicinare il mondo del web a quello dell’istruzione, nell’ambito del piu’ grande progetto di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Utenti del ministero e dirigenti scolastici si incontrano su un unico portale, uno spazio comune sul quale vengono caricati i bandi che le scuole potranno selezionare e approfondire.

“La piattaforma funziona: abbiamo delle nostre credenziali attraverso le quali possiamo entrare nel portale, vedere i bandi inseriti e inviare i progetti”, commenta Salvino Amico, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Garibaldi di Salemi. Monitor 440 e’ un servizio ancora sperimentale, ma la sua prima applicazione sembra aver soddisfatto le esigenze delle scuole, che possono cosi’ accedere ai fondi dell’ex legge 440/97. “Ha facilitato la procedura- continua il dirigente- finalmente possiamo utilizzare i finanziamenti legati alla legge 440. Come dirigente posso dire che il progetto ha aumentato lo spazio progettuale nelle scuole”.

Piu’ di 7.500 le scuole iscritte e circa seimila progetti inviati. Questi i numeri di ‘Monitor440′, che offre anche statistiche e report sull’andamento e la partecipazione delle scuole. “La piattaforma e’ semplice- aggiunge il preside dell’Ic Garibaldi- Gli step sono abbastanza veloci e la procedura non e’ macchinosa”. Il sistema ha anche l’intento di fornire dati in grado di evidenziare l’efficacia della spesa, attraverso il monitoraggio dei finanziamenti assegnati. Per il momento la sperimentazione prevede l’informatizzazione solo di alcuni bandi, ma a partire dal prossimo esercizio finanziario dovrebbero essere caricati sul portale tutti i bandi. Due le esigenze che hanno portato alla nascita della piattaforma come ha spiegato all’agenzia Dire Jacopo Greco, a capo della Direzione generale del bilancio del Miur.

“E’ un progetto che abbiamo iniziato a ideare- racconta- da quando ho iniziato il mio incarico di direttore nel 2014 perche’ ci siamo resi conto che non eravamo in grado di riuscire a monitorare con attenzione le azioni che venivano portate avanti con i finanziamenti della 440”. “Ogni anno- prosegue Greco- ci sono una moltitudine di azoni progettuali diverse e l’esigenza che abbiamo avvertito dal punto di vista amministrativo era appunto quella di poter avere un monitoraggio di tutti questi progetti. In questo modo riusciamo ad avere un monitoraggio sistematizzato sull’andamento dei progetti e ci aiuta sulla programmazione delle progettualita’ future ” La seconda esigenza e’ nata da una richiesta delle scuole: “una richiesta di semplificazione amministrativa nella partecipazione a queste procedure”, spiega il direttore generale del bilancio. Il tutto- conclude Greco- nell’ottica della trasparenza e per facilitare la partecipazione delle scuole”.