mondoscuola

Vi raccontiamo la seconda giornata del congresso eTwinning

Firenze – Secondo giorno del congresso tematico eTwinning ‘Citizenship: A new etich for the 21st century – the contribution of eTwinning’ ospitatato dalla rete nazionale eTwinning e organizzato in collaborazione con eTwinning CSS, Central Support Service, la Commissione europea e l’agenzia italiana di Erasmus+/Indire. Nella splendida cornice del Palazzo dei congressi di Firenze, i 250 partecipanti provenienti da oltre 36 paesi europei ed extraeuropei avranno la possibilità di seguire i 25 workshop tematici che si svolgeranno durante tutto l’arco della giornata.

Gli argomenti sono molti e toccano vari ambiti si va dall’ ‘European school development plan with eTwinning’ tenuto da Donatella Nucci, responsabile dell’unità nazionale di ETwinning, al ‘Professional development opportunities’ tenuto da Rute Baptista del Central Support Service di eTwinning, passando per il workshop di Dario Ianes dal titolo ‘Three strategies for improving school inclusion’. Un’occasione non solo per la formazione dei docenti, ma per dare loro gli strumenti utili per costruire un senso di cittadinanza europea ogni giorno nelle loro classi.

“Abbiamo iniziato la giornata con dei focus sul tema, ma anche sulle diverse sfaccettature di cittadinanza e abbiamo anche visto come questa può essere implementata all’interno del lavoro nelle scuole. I partecipanti sembrano tutti estremamente interessati. Personalmente ho seguito il workshop della professoressa Eolene Boyd-MacMillian che mostrava come discipline quali la psicologia possono entrare a servizio delle scuole per affrontare problemi di radicalizzazione, estremismo, comportamenti violenti; ed è stato molto interessante” – ha dichiarato all’agenzia di stampa Dire Donatella Nucci, responsabile dell’unità nazionale di eTwinning a margine della conferenza.