mondoscuola

In scena “Tutte le terre della città”

ROMA – “Anch’io so fare, posso fare qualcosa per gli altri, per la città e per me stesso! Ma cosa potrei fare da solo? Ho bisogno degli altri, di quelli che sono come me, che hanno la mia provenienza e la mia storia e anche di quelli differenti da me”.

E’ il messaggio che giovani, italiani e stranieri di prima e seconda generazione, propongono ai coetanei, al mondo associativo e alle istituzioni in “Tutte le terre della città. Giovani, intercultura, partecipazione” in scena per tre serate, il 17-18-20 marzo alle ore 21, presso l’Open Incet di Torino.La piéce teatrale è il risultato del laboratorio avviato da Claudio Montagna, regista e animatore teatrale, con ventuno ragazzi e ragazze di: Cina, Marocco, Perù, Romania, Italia impegnati in realtà associative e che hanno colto l’invito a mettersi in gioco per diventare più protagonisti della loro vita e della loro città.

Il laboratorio è una delle attività del progetto FAMI MULTIAZIONE – Progetto “InterAzioni in Piemonte” – Azione 4 “AssociAzione”promosso dalla Regione Piemonte, in partenariato con l’Associazione Gruppo Abele per il territorio della città di Torino, per migliorare la partecipazione attiva di giovani immigrati e di seconda generazione ai processi di inclusione sociale e pianificazione delle politiche di integrazione nella Città. Nasce dall’esperienza triennale de “Le terre attraverso il mare” del progetto NOMIS sostenuto dalla Compagnia di San Paolo.

«La pièce “Tutte le terre della città” racconta di giovani soli e della scoperta, attraverso una nuova capacità di entrare in relazione, di un senso, un noi da condividere e che dà speranza – spiega Claudio MontagnaUn modo, anche, per avvicinarsi alle istituzioni vissute come distanti e insensibili». Per Adnan, Alexandra, Andrea, Andreea, Elena, Elisa, Federico, Giulia, Giuliana, Ghoufran, Irina, Jonathan, Majda, Marian, Mariasole, Marta, Martina, Rosa, Yosra, Zelin, Zakaria l’attività del laboratorio è stata una vera e propria pratica di Intercultura: «perché ci ha permesso di conoscerci, di scambiarci le nostre idee su noi stessi, sulla città in cui viviamo, sul futuro».

Per Monica Cerutti Assessora regionale alle Politiche giovanili, Pari opportunità, Diritti civili, Immigrazione: «La costruzione di politiche di inclusione deve vedere i ragazzi e le ragazze di seconda e terza generazione protagonisti. È compito delle istituzioni accompagnarli in un percorso che permetta loro di mantenere un equilibrio, talvolta complesso, tra l’appartenenza alla comunità italiana in cui vivono e il mantenimento delle proprio radici».

Il  progetto, insieme al laboratorio teatrale per i più giovani, ha avviato con le associazioni torinesi di persone immigrate workshop mirati ad approfondire i bisogni formativi e informativi ma, anche, le relazioni con le istituzioni, con le diverse realtà del territorio, tra di loro.
Da aprile la seconda fase del progetto proporrà nuovi incontri ed eventi in cui le associazioni di persone immigrate e i/le giovani stranieri/e di prima e seconda generazione della città, saranno coinvolte in attività di co-progettazione e di azione sociale e culturale per elaborare, pianificare e realizzare i propri progetti, anche con l’accompagnamento di interventi specialistici.

La serata del 20 marzo è inserita nel programma della XIV Settimana di azione contro il razzismo. Informazioni sul sito www.piemontecontrolediscriminazioni.it

La partecipazione alle serate è libera ma è richiesta la prenotazione scrivendo a: [email protected] oppure dalla pagina: http://www.gruppoabele.org/event/in-scena-tutte-le-terre-della-citta/