mondoscuola

Scienziati e ricerca, torna concorso ‘Articolo 9 della Costituzione’

9Roma – Diffondere agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, la conoscenza dell’articolo 9 della Costituzione. E’ questo l’obiettivo della quinta edizione del concorso nazionale ‘Articolo 9 della Costituzione. Cittadini partecipi della ricerca scientifica e tecnica’, inaugurato oggi a Roma nell’aula del Senato dal presidente, Pietro Grasso.

Il progetto e’ promosso dal ministero dell’Istruzione dell’Universita’ e della Ricerca, dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e dal ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo, in collaborazione con il Senato della Repubblica, la Camera dei deputati.

Alle scuole primarie e secondarie di primo grado viene proposto quest’anno il seguente tema: ‘Riscoprire e far rivivere storie di scienziati, invenzioni, scoperte scientifiche e luoghi di ricerca’. Gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado sono chiamati invece ad “esplorare e scoprire i percorsi della ricerca scientifica e tecnica di oggi (temi, questioni, obiettivi, scienziati, luoghi e centri di ricerca)”. La cerminia inaugurale a Palazzo Madama e’ stata aperta dall’Inno nazionale eseguito dal Coro del Liceo statale Farnesina scientifico-musicale di Roma. Al termine dell’inno nazionale e dell’intervento di Grasso, il docente di Fisica teorica dell’universita’ di Aix-Marseille e responsabile del gruppo di ricerca in gravita’ quantistica del Centre de Physique Theorique, a risposto ad alcune domande dei giovani presenti in aula. A conclusione, i giovani del Coro hanne eseguito l’Inno alla Gioia di Beethoven.

E’ sempre una grande emozione per me- ha detto Grasso durante il suo intervento in Aula- vedere l’Aula piena di giovani appassionati e partecipi in occasione di cerimonie come quella di oggi. Sono profondamente convinto che aprire le porte del Senato alle scuole serva a far crescere il rapporto tra le Istituzioni e i cittadini di domani e, quindi, a far entrare il futuro in uno dei luoghi piu’ importanti della nostra democrazia”. L’articolo 9 recita: ‘la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione’. “Fateci caso- ha aggiunto la seconda carica dello Stato rivolgendosi ai ragazzi in aula- parla soprattutto di bellezza: la bellezza della cultura, della ricerca scientifica, del nostro patrimonio storico e artistico, e chiede di impegnarci tutti a custodirla, accrescerla e promuoverla. I padri costituenti vollero inserire questo articolo proprio nei principi fondamentali perche’ racchiude in se’ il nucleo della nostra comunita’ nazionale, cresciuta grazie alla ricchezza della sua terra e grazie al talento delle sue donne e dei suoi uomini. Dobbiamo essere consapevoli della nostra fortuna”.