Fisica: onde gravitazionali, cosa sono e come sono state rilevate. Lo spiega il Prof. Fulvio Ricci in una conferenza

Onde gravitazionali – In occasione dell’annuncio sulla ricerca delle onde gravitazionali da parte delle collaborazioni internazionali LIGO/Virgo, l’Osservatorio Astronomico di Roma organizza una conferenza pubblica sulle onde gravitazionali.

Protagonista della serata sarà il Prof. Fulvio Ricci, coordinatore del Progetto Virgo che illustrerà la sua esperienza e i dettagli dell’eccezionale scoperta.

onde gravitazionali
A rendere tutto più emozionante, ci sarà la proiezione di scenografiche animazioni sulle onde gravitazionali e i filmati sui grandi interferometri Virgo, in Italia, e LIGO, negli Stati Uniti.
Avremo così tutti modo di immergerci nella realtà  della neo-nata astronomia gravitazionale e comprendere l’altissimo livello tecnologico dei nuovi strumenti per l’esplorazione del cosmo profondo.



PROGRAMMA:

ore 20:30 – Ingresso
ore 21:00 – “Onde Gravitazionali: cosa sono e come sono state rilevate” – Prof. Fulvio Ricci
ore 23:00 – Osservazioni di Giove al telescopio (solo con meteo favorevole)

Gli orari sono orientativi e potranno subire variazioni secondo affluenza e condizioni meteo

PRENOTAZIONE ONLINE OBBLIGATORIA – CLICCA QUI’ per MAGGIORI INFO


La portata della scoperta dei progetti Ligo e Virgo è storica anche per un altro motivo: è infatti la prima volta che abbiamo l’evidenza diretta dell’esistenza dei buchi neri.

Sono stati loro a guidare gli scienziati. L’unica traccia della loro remota collisione è data infatti solo dalle onde gravitazionali. E’ successo questo: in una frazione di secondo due buchi neri di massa superiore a quella del Sole rispettivamente di 36 e 29 volte si sono scontrati a una velocità simile a quella della luce, dando vita a un unico buco nero, emettendo un’energia pari a 3 masse solari. Di fatto la massa del nuovo buco nero è pari alla somma di quella dei due che si sono scontrati, ad eccezione, però, di quella che si è liberata sotto forma di onde gravitazionali, le quali sono state poi ‘catturate’ da Ligo a settembre 2015.

I progetti attualmente in essere dedicati alla ricerca di questo fenomeno continueranno comunque per la loro strada nonostante la scoperta. Pensiamo, ad esempio, al cacciatore italiano di onde gravitazionali, Lisa Pathfinder, o ai rilevatori a Terra delle sorgenti delle onde. La loro osservazione continuerà da qui ai prossimi anni per svelare ulteriori, preziosi dettagli.

La caccia alle onde gravitazionali va avanti da 50 anni: era l’ultimo tassello della ‘Teoria della Relatività’ a non essere stato ancora dimostrato empiricamente. Ora che sono state scoperte si apre ufficialmente un nuovo capitolo. La conoscenza dell’Universo fa un altro, fondamentale, passo in avanti.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it